Passa ai contenuti principali

CAPRICCI: VADEMECUM DI SOPRAVVIVENZA

Il dizionario italiano lo definisce così: voglia bizzarra, desiderio ostinato e inspiegabile, caso inusuale, che non osserva regole e canoni.

Cosa sia un capriccio una mamma lo sa bene, di sicuro ne ha visti tanti e anche se una definizione precisa forse non sa darla, è certamente consapevole di doverci fare i conti per molto tempo. Gestire un capriccio è probabilmente molto più difficile che affrontare altre difficoltà del mondo materno, ad esempio quelle legate al sonno o al cibo perché queste ultime hanno di solito una durata nel tempo piuttosto circoscritta mentre il capriccio può manifestarsi anche da "grandicelli" e anzi, forse sono proprio questi i più complicati da gestire.
Ognuna di noi alla fine ha la sua tattica che a volte funziona mentre in altrettante, miseramente fallisce e i consigli nel campo fioccano. C'è chi ignora, chi punisce, chi asseconda e chi sclera. Tanta carne al fuoco per cucinare lo stesso piatto. Io ad esempio, ho una mia teoria che prevede il mix di tutti questi rimedi e soprattutto che adatto al momento, perché se è vero che un capriccio e' sempre un capriccio, lo è altrettanto che non tutti sono uguali e che variano a seconda di quando si manifestano, del perché sono nati e altre incognite.


Ho provato a classificarli.


1) CAPRICCIO DEL RISVEGLIO.
Si manifesta la mattina dei giorni feriali ed è dettato dal fatto che la sera prima, non per nostra volontà, ha fatto le ore piccole, e ora di alzarsi non sente ragione.
Come si manifesta?

Con raffiche di no, prima di tutto all'alzarsi, poi al vestirsi, lavarsi, pettinarsi e via di seguito. Ovviamente no all'asilo.

Tecnica adottata: ignoro le proteste e continuo a prepararmi come se niente fosse, tranquillamente spiego che se non sarà pronto per quando uscirò, dovrà rimanere a casa, ma la spiegazione si trasforma presto in minaccia e, man a mano che il tempo passa, il tono della mia voce cresce. Si risolve da se e diciamo che "ci prova" a sgamorrare un giorno di festa ma alla fine cede.
Difficoltà per risolverlo: 6

2) CAPRICCIO DEL BAGNO
Non è che non ami l'acqua ma il bagno lo vede come un dovere e vorrebbe ribellarsi tanto che spesso mi tocca rincorrerlo per tutta casa.
Tecnica adottata: qui non c'è da discutere né da spiegare. Si deve fare e si fa. Diciamo che c'è un pizzico di prepotenza nel mio atteggiamento ma non lascio spazio a trattative.
Difficoltà per risolverlo: se sopravvivo alla corsa, 6... ma anche meno.

3) CAPRICCIO IN PUBBLICO
E' in genere scatenato da una pretesa che non posso o non voglio soddisfare: un cioccolatino di troppo, l'ennesimo e inutile gioco al super o non voler venir via dopo due ore all'altalena. E' il più antipatico di tutti ma non il più difficile. Il problema e' il suo manifestarsi in mezzo ad altre persone e questo spesso genera un senso di imbarazzo e inadeguatezza, loro lo sanno e su questo puntano.
Tecnica adottata: cadere nel tranello della loro provocazione e' un attimo. La vergogna può portare a gesti estremi, urla e minaccia di ogni tipo ma per quanto forti anche del tutto inutili. Io qui ignoro alla grande e mi allontano alla Yuri Gagarin: con il cavolo che gli do la soddisfazione di farmi fare una figura di ... Come risaliamo in auto, il capriccio scompare!
Difficoltà per risolverlo: 8 se non si ha un'ottima capacità di autocontrollo. Per fortuna però è raro.

4) CAPRICCIO DEI PASTI
In genere ci tocca all'ora di cena dei giorni feriali: e' un mix tra la stanchezza di una giornata e la voglia di farcela pagare per non esserci stati. Il suo rifiuto a mangiare lo interpreto come una punizione che ci vuole infliggere salvo poi scoprire che ha fatto merenda per tutto il pomeriggio.
Tecnica adottata: molto variabile, si va da andare a letto senza cena (ma tanto con quel che si è spazzolato per merenda lui è sazio e se la ride!) a proporre cibarie diverse. I due estremi che non mi piacciono.
Difficoltà: 7

5) IL CAPRICCIO SENZA PERCHÉ
Può comparire in qualsiasi momento della giornata, feriali, prefestivi e festivi non fa differenza. All'apparenza sembra tutto tranquillo ma lo annuso nell'aria che sta per scoppiare e infatti scoppia. Il motivo non è dato sapere o per lo meno, lo sa solo lui.
Tecnica adottata: cerco di capire, chiedo e spiego, poi in genere perdo la pazienza e urlo, soprattutto se si manifesta alla fine di una giornata particolarmente stancante, poi ancora dopo mi pento e al tre ci chiediamo scusa a vicenda.
Difficoltà: 9

Questa la nostra personale esperienza, che si sappia, vale per entrambi e che dice si manifesti con l'inizio dei terrible two, per proseguire ininterrottamente lungo i terrible three... mi permetto di dissentire: Cicina ha compiuto da poco un anno e Cestino tra poco ne farà quattro e comunque, a rileggere, mi accorgo che manca la difficoltà 10, non perché non esista ma perché ancora non l'abbiamo incontrata e l'aspetto come se fosse un BIG BANG.
Questi i capricci a casa nostra, manca ancora tutta la parte dei dispetti e non sono la stessa cosa.


https://mail.google.com/mail/u/0/images/cleardot.gif

Commenti

  1. Brava! Non è facile mantenere la calma...ma "ti lovvo" per la soluzione del capriccio pubblico. Ho sempre odiato i bambini che fanno capricci in pubblico. Ho sempre odiatole mamme che "accontentano" oppure "urlano come matte". Per fortuna per noi è rarissimo che accada, ma nel caso molto tutto e li porto via. Hai ragione, in auto il capriccio scompare e la volta successiva la minacci adel portarli via ha il suo valore perchè sanno che capita davvero. COERENZA! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci metto tutto l'impegno nel non cedere, a volte va bene, altre va male ma sul capriccio in pubblico non transigo!!

      Elimina
  2. noi in questo periodo abbiamo pacchi di capricci da risveglio e senza un perchè! tra l'altro, visto che siamo a casa in modo alternato io e mio marito di solito a metà capriccio viene invocato in modo insistente e petulante l'altro genitore!che urto di nervi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il risveglio difficoltoso secondo me e' pure una conseguenza della stanchezza di un anno intero di impegno scolastico, che e' vero che e' asilo ma per loro e' pur sempre un impegno. Credo che con le vacanze quest'aspetto dovrebbe ridimensionarsi....dovrebbe!!!

      Elimina
  3. ahhhhhhhhhhhh i capricci...il dramma di tutti i genitori..la mia di quelli plateali ne ha fatti pochi per fortuna e ce li ricordiamo! ora ci sono i capricci "stupidi" dati dalla gelosia e quella é un'altra brutta storia! perche li é piu difficile almeno per noi mamme (i papà catalogano uncapriccio quindi linea dura) io mi faccio mille seghe mentali su cosa vorrà dire,se in questo caso assecondarlo perché forse é solo una richiesta (nel modo sbagliato) di attenzioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah già mi so scordata quelli dettati dalla gelosia...che mica ce li facciamo mancare!!!

      Elimina
  4. grande! mi sa che l'idea del vademecum la replico anch'io per i capricci di un cinquenne... posso?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai vai,,,,così leggo e mi preparo per quello che mi spettera il prox anno....qualcosa mi dice che ci stiamo avvicinando alla difficoltà 10!

      Elimina
    2. fatto! http://ahsonounamamma.blogspot.it/2014/06/la-differenza-tra-un-capriccio-e-una.html ;)

      Elimina
  5. nel nostro caso c'è soprattutto il "capriccio da sonno", che si manifesta, appunto, perchè è troppo stanco, che sia il mattino, la sera o il pomeriggio, in pubblico o no. Il problema è che quando arriva a quegli estremi è difficile farlo addormentare (o a volte no si può). Niente gli va bene, invoca chi non c'è (mamma, papà, nonni, persino gli amici immaginari Tom e Jerry) ecc.e ho capito che l'unica cosa da fare è ignorarlo, anche per mezz'ora e poi abbracciarlo stretto e consolarlo.
    IIL fatto che questi capricci durino anche fino ai quattro anni e oltre....mi spaventa assai!
    Brava per la calma nei luoghi pubblici!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah....scusa se rido ma gli amici immaginari invocati a salvezza del capriccio, mi mancavano!!!! :-))))

      Elimina
  6. non ne parliamo cara. è un periodo...mia figlia generalmente, anche se vivace e sveglia, è obbediente. da circa due settimane prima del compleanno dei 2 anni, invece, è diventata capricciosa e si oppone sempre!!!
    cerco di prendere suggerimenti da quello che hai scritto...grazie

    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/my-colourful-summer-mosqito-stellina-fabbri/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  7. Li abbiamo tutti, solo quello in pubblico è raro, perché la miss è…orgogliosissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio invece e' para....o e ogni tanto ci prova pensando di mettermi in difficoltà e cogliermi in castagna! Non ce la farà mai!!!

      Elimina
  8. Meraviglioso questo tuo vademecum! Io cerco sempre di adottare la tecnica dell'indifferenza anche se a volte non funziona...in questo caso provo a distrarlo, sempre se mi riesce! Buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tecnica dell'indifferenza con i capricci, e' l'unica che funzioni le altre non hanno scampo, il fatto e' che e' pure la più difficile!

      Elimina
  9. Bellissimo post...non ci ho mai riflettuto veramente sulle diverse tecniche che istintivamente adotto per affrontare la moltitudine di capricci che la princess mi propone...in genere cerco il dialogo e se non funziona passo alla modalità gioco...e se non funziona manco quella finisco con la tecnica dell'indifferenza! Cerco di arrabbiarmi poco (sopratutto perchè tutte le volte che succede mi sento tremendamente in colpa dopo), ma non sempre ci riesco...
    Tu sei più organizzata...toccherà che ci rifletta anche io...
    Un bacione mammapiky e a presto ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono organizzata credimi...queste sono tecniche che in teoria applico sempre poi la pratica e' un' altra storia perché se e' vero che il linea di massima e' così, lo e' altrettanto che spesso i capricci arrivano alla fine di una giornata particolarmente stancante o quando hai le testa su altri problemi, ed allora li il vademecum salta ma, come succede a te, poi mi sento tremendamente in colpa!

      Elimina
  10. Il capriccio del mattino lo risolviamo anche qui come fai tu!!! Quello dei pasti per fortuna è a me sconosciuto.... Ma per quello in pubblico Lollino è un professionista.... Che fatica eh?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si e poi queste solo le specie principali, poi esistono tante varianti!

      Elimina
  11. i capricciiiiiiiiiii noooooooooooooo...non li sopporto e mio figlio e' il numero uno

    RispondiElimina
  12. Capricci....una parolina così simpatica per una cosa così odiosa!!!
    Bellissimo il tuo vademecum , moltosimile al mio per sommi capi.
    Comunque, la cosa più bella è il finale, quello del "al tre ci chiediamo scusa a vicenda" :) meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si perché in quell'occasione esageriamo tutti e due...non ti dico i sensi di colpa!

      Elimina
  13. e i capricci da nanna? ci sono anche quelli =(

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.