Passa ai contenuti principali

24 ORE A REPARTO (l'aspetto tragico e tra le righe una rivelazione)


E alla fine succede che ti fermi: lanciata di corsa inciampi in un sassolino messo lì dalla quotidianità e dalla sfiga. Invecchi di una diecina d'anni e ti ritrovi in un reparto di pediatria con il cuore in mano e la sentita speranza che qualcuno ti spieghi cosa è successo, perché tu, l'unica cosa che hai capito, è che tanta paura in vita tua, non l'avevi mai avuta e una cosa così, non vorresti che ti ricapitasse più.

E' quasi mezzanotte, sul davanzale di una finestra dell'ospedale ritorno indietro alle otto di mattina, a quando la terra mi è franata sotto i piedi ed io non ho capito né come né perché, mi sia ritrovata di corsa in strada verso l'ospedale con Teresa seduta a fianco per una "presunta ingestione di corpo estraneo" (così c'era scritto sulla cartella).
Cinque minuti prima, il suo respiro affannoso, gli occhi rossi e lacrimanti e una tosse rosso sangue mi avevano lanciato nel panico e mentre percorrevo strombazzando la strada cercavo di raccapezzare cosa fosse accaduto.
Ho passato in rassegna gli ultimi minuti, scandagliato i secondi, ma niente, non ho trovato niente a darmi risposte, speravo che un dottore lo facesse al posto mio, io sapevo solo che lei non aveva ingoiato nulla.
Di questo ero certa.
Loro no.
Loro credevano nel contrario, erano così sicuri che ad un certo punto hanno convinto pure me: "Forse ha mangiato della carta, oppure no della plastica, o chissà quale altra diavoleria".
Tutti gli esami svolti non hanno rivelato nulla, non c'era niente, trachea, polmoni, bronchi, nulla tutto libero, solo una piccola ferita sul palato che forse per la forte tosse ha sanguinato un po',, ma da dove sia venuta questa ferita, è stato impossibile da sapere, potrebbe essere lì da giorni, potrebbe essere stata una briciola di pane o le sue unghiette affilate, sta di fatto che è lei la responsabile.
“Tuttavia è bene stare sotto osservazione” mi dicono e ci trattengono.

Camera n. 10 del reparto di pediatria, un reparto non munito di culline, "Perché non sono in dotazione", ma con dei corridoi stupendi lunghi, larghi e vuoti. In un reparto dove mi hanno detto cose "assurde" e per cui io ho fatto "domande troppo difficili", dove alla fine erano pronti anche a lasciarmi andare a ridosso della mezzanotte, sole e al buio…un reparto strano non c’è che dire, dove cercavo risposte, ma che mi ha lasciato molti dubbi e qualche certezza, nessuna positiva purtroppo… le butto qui per non dimenticarmele e tra le righe ci metto pure una rivelazione.....(fine prima parte.)

Commenti

  1. Certo i dottori e gli ospedali ci vogliono, ma se ascoltassero un po' più spesso noi mamme ed il nostro istinto materno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavano ad un ingestione di qualcosa che l'avesse ferita perché perdeva sangue. Ho detto che non era possibile perché era con me e sotto stretta sorveglianza ma i bambini sono imprevedibili e hanno preferito controllare.

      Elimina
  2. Cavoli, son spaventi enormi...attendo la seconda parte

    RispondiElimina
  3. che spavento e che brutta esperienza, mi dispiace tanto!

    RispondiElimina
  4. No comment!! Sono senza parole, perché secondo me era tuo diritto ricevere delle giuste risposte e perché quel personale sarebbe dovuto essere preparato per questo. Povera la tua cucciola e penso non si possa immaginare il tuo spavento. Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La loro incertezza mi faceva "non fidare" ma con questo non voglio dire che non siano preparati solo che in quei momenti vorresti sapere tutto e subito.

      Elimina
  5. Mi hai fatto venire i brividi! Credo che al tuo posto ricoveravano anche me...in attesa dell'epilogo di questa terribile avventura ti abbraccio fortissimo!
    Ai medici dovrebbero insegnare prima di tutto l'empatia e poi la medicina!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'empatia quella no, non c'era e mi dispiace non averne trovata.

      Elimina
  6. Ho vissuto da poco lo spavento e il brutto di un ospedale, quindi ti capisco e ti abbraccio, aspettando la seconda parte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il reparto pediatrico e' sempre difficile da vivere.

      Elimina
  7. Povera Cicina...e povera te...spero si risolva tutto, presto, caspita, che paura, come ti capisco...la paura vera, quella per un figlio..
    darling

    RispondiElimina
  8. Spero che ora siate serene a casa!
    Abbraccioen!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo tornate e la piccola sta bene. Speriamo non accada più!

      Elimina
  9. oh mamma, che spavento.
    un abbraccio, che scacci via la paura di quei brutti momenti.

    RispondiElimina
  10. Oh cavolo...state bene vero?????

    RispondiElimina
  11. che aggiungere? il tuo racconto sembrerebbe quasi un film dell'assurdo, peccato che sia vero e che in mezzo ci siate voi! rinnovo l'abbraccio: come è andata la notte?

    RispondiElimina
  12. Mamma mia!!! Anch'io spero che adesso siate entrambe a casa...
    E il nome di Cicina...beh, è meraviglioso...

    RispondiElimina
  13. Mamma tutto bene ora???? Speriamo che non ci sia una seconda parte ma solo un lieto fine!!! Forzaaaaa

    RispondiElimina
  14. Che spavento terribile!!!
    Spero le cose vadano un pò meglio. Aspetto di leggere la seconda parte.
    Un abbraccio e un bacino alla piccola

    RispondiElimina
  15. Oh mamma che spavento! Immagino la paura, non auguro a nessuno una cosa simile... Mi hai fatto ricordare una corsa all'ospedale, quando io ero piccola, per mio fratello... Sei stata molto forte a riuscire a guidare, sei stata coraggiosa... Non smettere mai di farti domande, non sono mai troppe, e i dottori hanno il dovere di ascoltarti e di darti delle risposte... L'istinto di una mamma non sbaglia mai... Spero che nella seconda parte ci sia una buona notizia e una spiegazione plausibile a tutto...
    Intanto tanti auguri di buona guarigione alla piccolina!

    Maira
    inunastanzaquasirosa.blogspot.it

    RispondiElimina
  16. "domande troppo difficili"?! Ma mi state trattenendo con una bambina piccola in ospedale e trovate strano che io faccia domande?! Assurdo e preoccupante!! Per fortuna nei nostri due ricoveri in ospedale abbiamo incontrato solo professionisti preparati e davvero molto bravi con i bimbi.
    Un abbraccio a te e alla piccola!

    RispondiElimina
  17. immagino la preoccupazione...per fortuna sembra tutto a posto...ma la prox emergenza sperando che non ce ne siano in futuro naturalmente...altro ospedale !??!?

    RispondiElimina
  18. che spavento.. mi è venuta l' ansia a me leggendo! immagino che shock sia stato per voi!

    poi è sempre traumatico vivere l' ambiente ospedaliero..

    un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Mi hai fatto tornare indietro di 8 anni....conosco troppo bene la sensazione di voler capire e le facce di pseudo-professionisti che ti guardano come per dire 'Ma perchè chiedi a noi?'.
    Un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  20. mi sono assentata una settimana..e leggo questo...che succede? mamma mia mamma piki attendo notizie

    RispondiElimina
  21. mi dispiace tanto!che spavento!

    RispondiElimina
  22. mannaggia che paura... un abbraccione

    RispondiElimina
  23. mamma mia, che brutta disavventura! mi dispiace molto per te, per voi, spero che tutto si risolva per il meglio. Certo se i medici fossero più attenti all'aspetto umano delle relazioni con i pazienti, già questo aiuterebbe a superare le difficoltà. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  24. no, non lasciarmi nell'ansia...che è successo?
    Spero che ora stiate bene e che questa terribile esperienza sia alle spalle.
    Un abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
  25. Mi spiace tantissimo, so cosa si prova, l'ho passato l'anno scorso con le convulsioni febbrili di Chicco... l'importante è che sia andato tutto bene!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Sono appena reduce da un colloquio con una dottoressa e ciò che dici non mi stupisce affatto. Piove sul bagnato. In questo credo che tutto il mondo sia paese e tutti i medici siano "divini"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @rachele, non generalizzare. non sono tutti così

      Elimina
  27. oh mamma!! Mi hai fatto tornare a quest'estate quando mio figlio che allora aveva due anni, con tutta tranquillità venne a dirmi, mentre rifacevo il letto " mamma ho una vite dentro al naso!!!"...ok calma e sangue freddo, alzo il suo viso e la vedo, credo di essere sbiancata perchè lui ha cambiato sguardo, gli ho detto stai fermo che te la tolgo con la pinzetta, non tirare su con il naso!!! cosa più sbagliata non potevo dirla perchè tirò subito su con il naso e non la vidi più!!! di corsa all'ospedale...alla fine tra pianti e urla disperate...anestesia generale!!! 15 minuti più brutti della mia vita...la vite c'era...quelle viti che mettono dietro le lavagne magnetiche!!! piccolissima ma sarebbe stata davvero pericolosa...che spavento...ti capisco benissimo...attendo la seconda parte...un'abbraccio...

    RispondiElimina
  28. Ogni volta che si entra in un ospedale con un bimbo in braccio si invecchia di colpo. Affidi tuo figlio a un estraneo, esperto sì, ma di cui non hai altra scelta che fidarti. E una mamma è difficile che si fidi.
    Che poi questo reparto pediatrico non abbia in dotazione culle mi fa quasi ridere, se non fosse che è una tragedia.
    Dicci come sta la piccina...

    RispondiElimina
  29. anch'io aspetto di saper come procede, intanto posso solo immaginare lo spavento e la frustrazione per quelle risposte non date...mamma mia, tanta solidarietà e tienici aggiornate <3

    RispondiElimina
  30. mi spiace tantissimo, spero che ora la piccola stia bene. purtroppo quando succedono cose del genere si pensa sempre al corpo estraneo. e forse è bene che ci si pensi. io ricordo sempre il fatto di cronaca di qualche anno fa. una bimba è morta x aver ingerito una pila di quelle piccoline, piatte. i genitori non se ne erano accorti e pertanto non ne avevano denunciato l'ingestione. quando i medici trovarono la causa dello stare male della piccola era troppo tardi.

    RispondiElimina
  31. ho i brividi, il cuore a 1000, chissà che spavento. un abbraccio da mamma a mamma. sei stata forte e coraggiosa!!!

    RispondiElimina
  32. manneggia manneggia e manneggia (alla barese maniera)!

    RispondiElimina
  33. Ansia ansia ansia ansia... voglio la seconda parte!
    E bacetta la piccola T. <3

    RispondiElimina
  34. Risposte
    1. Siamo a casa, Teresa sta bene ed ha solo una ferita sul palato che è stata la responsabile del sanguina mento. Allarme rientrato ma che spavento! Grazie per questa solidarietà importante e preziosa! Grazie di cuore!

      Elimina
  35. Dai meno male...chissà che spavento comunque!!! Buon fine settimana
    Manuela

    RispondiElimina
  36. oh mamma mia! un bacio grande
    xx
    cri
    http://sofiscloset.blogspot.it

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.