Passa ai contenuti principali

UN TONFO SORDO NELLA NOTTE (e son più vecchia di dieci anni)

Credit
Sto dormendo.
La notte, a parte il ticchettio della pioggia, è silenziosa, il piumone caldo e alla sveglia manca ancora qualche ora.
Potrei essere in paradiso.
E chi mi schioda di qui? In quest'estasi, non mi alzerei nemmeno per far pipì, poi, improvvisamente un tonfo sordo, di fianco a me e subito dopo un pianto straziante.
E' un'esperienza da by pass.
Ci ho messo un paio di secondi a realizzare cosa fosse successo ma appena l'ho capito è iniziato il bello e qui lo dico con certezza, se capitasse anche a voi (speriamo di no, tocco ferro, corna in aria, sale dietro etc, etc), alzatevi pure e accendete la moka, la vostra notte è finita, riaddormentarsi sarà impossibile.
Cicina l'altra sera è caduta dal letto, non il suo, il mio... si ok dormiva fianco a me, lo so non si fa, ma si era appena concessa la sua poppata notturna ed io comunque l'avrei spostata subito dopo e messa in sicurezza, ma mi sono riaddormentata, potrei anche averla allattata dormendo, non mi ricordo, sta di fatto che era sul lato scoperto del letto e un movimento (mio? suo?) di troppo, ha fatto il resto.
Un colpo al cuore, il suo pianto, il mio strillo, anni (i miei) che se ne vanno e capelli bianchi che spuntano, più un tremore (sempre mio) generalizzato agli arti.
L'esperienza l'avevo già vissuta ai tempi con Cestino, stesse modalità di esecuzione, stessa nottata in bianco, e sensi di colpa a pacchi, si perché è proprio quando ci sentiamo sicuri che cala la soglia dell'attenzione e facciamo il danno. Un danno con loro può costare molto caro e quindi eccomi li, dopo averla tranquillizzata e riaddormentata, a cercare di ricordarmi cosa prevedeva il vademecum pediatrico sulla caduta d'infante. Lo riguardo insieme con voi, che così lo ripassiamo insieme.

In linea di massima la caduta del bambino non deve destare grande preoccupazione, in caso di tumefazione basta applicare un po' di ghiaccio e il tempo farà il resto. Importante è rimanere vigili, (ed io, in effetti, non sono riuscita a riaddormentarmi), sulle attività e sui comportamenti del piccolo.
Ci sono però segnali da non sottovalutare e che devono mettere  in allarme, facendoci ricorrere alle cure del pronto soccorso soprattutto se si manifestano a distanza di qualche ora. Nessuna paura se il bambino si riaddormenta o se vomita subito dopo, fare invece attenzione a difficoltà di risveglio, vomito ripetuto, difficoltà a mantenere l'equilibrio e arti molli, segnali di un possibile trauma cranico. Conseguenza frequente della caduta può essere pure la fuoriuscita di sangue dal naso ma basta premere per qualche minuto perché l'allarme rientri. Ovviamente ci vuole buon senso e raziocinio per capire se l'incidente debba essere considerato allarmante: caduta oltre il metro d'altezza, caduta su un piano duro e irregolare, caduta di testa e gravità di eventuali escoriazioni.
Insomma, sembra che il sesto senso di mamma saprà farci riconoscere quando è il caso di preoccuparci e quando invece si può stare tranquilli, lo dice il manuale ... sembra... perché, sarà stato il buio della notte che ingigantisce le cose o che il mio sesto senso a volte va per campi, io non sono riuscita a far altro che aspettare l'alba chinata su di lei per ascoltare il respiro, finché esausta mi sono addormentata... dieci minuti dopo è suonata la sveglia ...

Commenti

  1. sono spaventi che credo almeno una volta succedano a tutti i genitori, poi la notte fa sembrare tutto più brutto e angosciante. Dai, è passata...

    RispondiElimina
  2. Infartino notturno...
    Mi è capitato poche volte, ma prima del danno ho deciso di porre ai piedi del letto un materassino...non si sa mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono una da cuscini poi quando non li metti, e' la volta che capita!

      Elimina
  3. Che spavento orribile! Per fortuna non mi è mai capitato, nonostante anch'io sia crollata dal sonno durante qualche poppata notturna...

    RispondiElimina
  4. E brava la mammina pikyna!!!!
    consolati, a me e' mezza caduta dal fasciatoio... :/ Paurona terribile, presa all'ultimo secondo con una mossa tai chi che manco maratekid...pero ho ancora la chiappa destra che piange..
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal fasciatoio prova a lanciarsi ogni volta che la cambio e quello si che è più alto di un metro!

      Elimina
  5. Purtroppo quando Michy era piccolo è successo almeno un paio di volte e dopo sempre nottate in bianco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora ci sorrido su ma la botta che fanno e' proprio forte! Paura!

      Elimina
  6. Povera mamma Piky, immagino lo spavento!
    Bicci ha sempre dormito con me. Ha avuto un periodo in cui mentre dormiva si alzava a sedere sul letto e ricadeva giù dall'altra parte e questo accadeva molte volte durante una notte... finché una notte ho sentito un pianto straziante: era caduto dalla parte dei piedi del letto... per fortuna ho il letto molto basso..
    L'ho recuperato, tranquillizzato e ci siamo riaddormentati come ghiiri:-)
    Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La caduta dal letto e' piuttosto comune da quel che leggo!

      Elimina
  7. Senti, mi dispiace veramente per quanto è successo a tuo figlia... ma mi viene da ridere a vedere che sei recidivissima!!! Quando ho letto che era successo la stessa identica cosa a Cestino mi sono fatta una risata! :D
    cmq credo che non esista bambino che prima o dopo sia caduto dal letto. Per fortuna sono di gomma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Identica modalità, identico lato del letto, identica notte in bianco! Non ho attenuanti!

      Elimina
  8. Poi ci si domanda da dove vengono le rughe, i capelli bianchi, e semplicemente come mai le mamme spesso hanno le occhiaie. L'hai spiegato benissimo. E per fortuna non è successo niente (coraggio, capita praticamente a tutte le mamme che, santo cielo, hanno diritto ad avere sonno) e hai fatto bene a rinfrescare le regole da tenere sott'occhio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho passato la notte a cercare di ricordarmele poi la mattina me le son riletta!

      Elimina
  9. ecco, capitato anche noi…dovevamo partire per le vacanze (dalle tue parti, eheh), marta sul lettone, io avevo dimenticato di mettere i cuscini per non farla rotolare, e…bum! caduta. A me l'ansia di mamma non riesce subito a farmi capire che la botta non è grave…passo una bella ora e più a crogiolarmi tra i miei pensieri e i miei film. E non faccio dormire nemmeno lei…:-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nostra sicurezza aumenta, l'attenzione cala e si fa il danno!

      Elimina
  10. A me per ora Pietro ha solo tentato la caduta da Divano sul morbido di cuscini e puff...immagino la paura!!! Grazie per il ripasso del vademecum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato che a ripassare le regole potesse servire a tutte!

      Elimina
  11. La stanchezza fa questo è altro, l'importante è che non si sia fatta nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è l'importante e speriamo non succeda più.

      Elimina
  12. E' successo anche al nano, che dormiva vicino a me per una volta dal lato esterno. Per fortuna noi abbiamo legno e tappeto ai fianchi del letto e a non dormire e' stato l' Alpmarito, che lo aveva scacciato dal centro del letto e si sentiva in colpa!
    Poi e' caduto dal suo lettino, appena tolte le sbarre, più di una volta. Però era a cinque centimetri da terra e dopo la prima abbiamo messo il nostro materasso da boulder (morbido). La botta veramente brutta e' stata quando e' caduto dal seggiolone, perché aveva già quasi due anni e non lo legavano più (altrimenti strillava e non mangiava)... Ho passato la sera a guardarlo con ansia e non volevo che si addormentasse per paura che non si risvegliasse...
    Povera Piky, capisco la paura e il senso di colpa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li per li non volevo nemmeno io si riaddormentasse, poi ho ragionato ma a me la paura e' rimasta fino a mattina.

      Elimina
  13. L'importante è che Cicina non si sia fatta nulla. Lo spavento deve essere grande e il tremore immediatamente successivo infinito. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche perché non sai come e' successo, in che posizione e' caduta e se a parte il pavimento, ha sbattuto da qualche altra parte. Senti solo il botto (grosso) e il pianto. Il tremore non si può fermare o per lo meno a me ci è voluto un bel po'!

      Elimina
  14. Ciao anche il mio bambino è caduto dal mio lettone quando aveva circa 7 mesi. E' successo mentre facevo colazione prima di andare a lavoro, gli avevo messo dei cuscini di lato ma li ha scavalcati ed è caduto. Il colpo è stato attutito dal tappeto scendiletto, l'ho attaccato subito al seno poi guardandolo per bene mi sono accorta che aveva su un lato della fronte impresso il disegno del tappeto.
    Un abbraccio
    Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella quasi totalità, loro non si fanno nulla, noi rischiamo l'infarto e invecchiamo precocemente!

      Elimina
  15. Oh Piky che spavento!!!!!!! La mia dal letto non è mai caduta (dorme con me solo quando è particolarmente in crisi perché non sta bene e di conseguenza, io non dormo e la veglio), ma quando è volata di testa dal divano ho sentito gli anni volare e i capelli imbiancarsi....capisco che poi la notte, la stanchezza e il senso di colpa facciano il resto.
    E' passata dai. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' passata ma che sensi di colpa li per li...il divano, insieme al letto e al fasciatoio sembrano fatti apposta per voli pindarici!

      Elimina
  16. Immagino lo spavento ma fortunatamente Cicina non si è fatta male e fra un pò passeranno anche i sensi di colpa. Mio figlio non è mai caduto dal letto ma l'ho acchiappato non so come mentre si rotolova giù dal fasciatoio: cuore a mille e gambe molli... a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole sempre molta attenzione ma a volte stanchezza e altro, possono giocare brutto scherzi.

      Elimina
  17. D casca spesso di testa. Dal mio letto mai perché non sono mai riuscita a dormire con lui a fianco (troppa ansia) ma dal suo lettino sì, anche se ha la spondina :-/ L'ultima caduta quest'estate l'ultimo giorno di vacanza, mi sono venuti i capelli bianchi solo a sentire il tonfo!!
    Per fortuna Cicina non si è fatta niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ne abbiamo una di quelle mobili, del tutto inutile per trattenere veramente.

      Elimina
  18. Io circondavo il letto di cuscini, lo so sono paranoica. Ma conosco bene quegli spaventi che ti fanno invecchiare (ad occhio e croce ora dovrei avere 130 anni!). Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non e' paranoia ma buon senso...quello che mi è mancato l'altra sera!

      Elimina
  19. e' capitato anche a noi per ben due volte...che spavento.
    una volta anche dal fasciatoio.
    preferisco di gran lunga i letti singoli cn sbarra..almeno se cadono sono bassi...

    RispondiElimina
  20. E' successo anche a me, con tanto di nasino tumefatto e grondante sangue. Grande corsa al pronto soccorso, per fortuna nessun problema, ma ho perso 10 anni di vita!!!

    RispondiElimina
  21. l'importante è che non si sia fatta nulla!chissà che spavento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che anche il suo pianto sia stato più per la paura che altro, poi sai mentre dormivi beata, ti prende un "colpo"!

      Elimina
  22. bè a noi è caduta da sola giocando....però come dice Rachele per fortuna sono di gomma....ahhhhhhh insomma sempre nottate in bianco per un motivo o un altro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una sera che dormivamo tranquille..e' il mio destino!

      Elimina
  23. a me è caduta dal fasciatoio.
    Credo di aver pianto più io di lei.Sono momenti orribili concordo e ti capisco.

    RispondiElimina
  24. povera te, chissà che spavento! Sono cose che capitano purtroppo, non sentirti in colpa... io avevo fatto battere la testa della nana grande contro una mensola mentre la cambiavo - o meglio tentavo di cambiarla - sul fasciatoio... tanta paura ma non era accaduto nulla.
    Ti abbraccio, pensa a riposare adesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A distanza di qualche giorno dall'accaduto, conviviamo con la febbre e si susseguono le notti bianche!

      Elimina
  25. Penso che sia un classico attraverso il quale, ogni mamma deve passare, perché non sento nessuna a cui non sia mai successo. Io pensavo di essere la mamma più attenta del mondo e invece mi è capitato. Certo, lo spavento che ti prendi, poi non te lo scordi più. Mia figlia, comunque, che ormai è grandicella, è intelligentissima e ha voti superbrillanti a scuola e ogni tanto scherziamo dicendo, non sarai mica così brava per merito di quella botta in testa che ti ho fatto prendere da neonata?! ;)

    RispondiElimina
  26. Capitato con entrambi. Il Vitellino aveva 2 mesi, l'avevo messo a dormire sul letto normale dai miei senza nemmeno una barriera...tanto a 2 mesi dove vuoi che vada??? Per terra, ecco dove è andato :(((

    RispondiElimina
  27. Povera cara, a me in quei casi in pochi secondi passano per la mente almeno 10 scenari tragici diversi.

    RispondiElimina
  28. E una spondina ? Non sarà comodissima quando sali e scendi dal letto ma almeno evita cadute e invecchiamenti precoci ;-)

    RispondiElimina
  29. Brutte esperienze che non si dimenticano...lo so...:(

    RispondiElimina
  30. è successo anche alla mia piccola. era un po' più grandina della tua ma poco cambia. da allora quando è nel lettone la metto sempre nel mezzo nonostante le proteste del grande (ovviamente se c'è una c'è l'altro) che vuole stare vicino a me. complimenti per il sangue freddo e per l'osservazione a casa. ogni giorno portano in pronto soccorso bambini per cadute di molto minor entità!

    RispondiElimina
  31. Mi è appena successo ora! :,(. Non ti dico che spavento! Infatti mi sono messa a fare una ricerca e mi sono imbattuta nella tua esperienza. Speriamo vada tutto bene! Per ora dorme, ma ho tanta paura, e mi sento in colpa nonostante abbia messo cuscini ecc...

    RispondiElimina
  32. Ciao a tutte a noi è successo stanotte, il bimbo dormiva nel lettone tra me e il papà ma lui non so come è caduto dalla fine del letto... subito il suo pianto mi ha svegliata terrorizzata!! L'abbiamo consolato ed ha smesso di piangere dopo poco... non nessun bernocolo se nn un segneto rosso sulla parte alta dell'orecchio sx.. ride mangia gioca mi sembra stia bene! Ke ansia!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.