Passa ai contenuti principali

LA NOSTRA STRADA VERSO IL WEST

Guardatevi questo video e poi ne riparliamo, è in inglese ma la colonna sonora e le immagini, spiegano.


Il paesaggio è incantevole, incantato, direi, uno di quei posti che sembrano non esistere nella realtà, un luogo che forse "non c'è" e "non c'è mai stato".
"Quarant'anni fa il bello non era arrivare ma viaggiare" e parte, al giusto volume, una struggente musica country.


Trattenere una lacrima non è facile e la mente vola all'estate del 2009. All'anno in cui io è il Principe abbiamo coronato molti dei nostri sogni: la casa, sposarci, piantare il seme per diventare famiglia e andare fin laggiù, a vedere con i nostri occhi, ciò che avevamo sempre sognato.
Fine luglio, un cabriolet, due sacche da viaggio e poche altre cose, io, lui e la strada.
Una strada lenta, la Route 66, che nessuno percorre più da tempo, la prima striscia d'asfalto che ha collegato Chicago a Los Angeles, il freddo dei grandi laghi, alle alte palme della California, il sogno di un futuro migliore, alla speranza di realizzarlo. Oggi pochi la conoscono e le cartine stradali nemmeno la ricordano, perché un'altra strada e in altro modo di vivere, l'hanno sostituita da tempo.
"Andare veloce" è stato il motto del cambiamento, "Non fermarsi e arrivare prima possibile", anche se intorno non c'è niente da vedere, anche se di quel viaggio poi non ti ricorderai più nulla e d'altronde niente ne meriterebbe il ricordo. Lo sguardo fisso e il piede sull'acceleratore ti porteranno proprio dove devi anche se "dove devi", in realtà non è detta che sia "dove vuoi".
Alla tv sembrano scorrere le scene di un semplice cartone animato dalle belle immagini, ma la morale che c'è dietro è forte come quei paesaggi e riassume uno dei tanti modi in cui si può decidere di guardare la vita, forse il meno scontato, il più difficile ma quello che vorrei per me è per loro.
Una strada lenta, non comoda, in salita e faticosa ma con un panorama che solo la vetta ti può dare. Ottenere tutto e subito non è soddisfazione né tanto meno realizzazione, a volte è sconfitta. Andare piano, dare valore al tempo e al suo trascorrere, non perdere gli attimi, perché è lì che sta la sostanza. Viaggiare guardando avanti ma anche di lato e perché no, pure dietro. Assaporare la strada e non percorrerla solamente.
Vorrei insegnarglielo, vorrei trasmetterlo, dargli una "lezione di vita", di quelle importanti, da genitore, da raccogliere nel bagaglio perché se ne ricordino nel tempo. Lo vorrei fare, ma a una teoria che conosco benissimo si affianca una pratica che mi frega alla grande perché in realtà le nostre giornate sono sempre tutte di corsa, scandite dai "fai presto", dai "su che siamo in ritardo", dall'orologio alle calcagna e da qualche urlo isterico di condimento. Risichiamo minuti, stiliamo tabelle e marciamo secondo i programmi.
E' sempre ora di correre da qualche parte, c'è sempre qualcosa da fare e poco tempo per farla.
Loro si adeguano, di sicuro a malincuore, e camminano al nostro ritmo. A volte provano a protestare, a spiegare le loro ragioni ma alla fine non c'è tempo nemmeno per ascoltare quelle.
Ho letto un post un paio di settimane fa e da allora mi è capitato spesso di pensarci.
Non son arrivata a grandi conclusioni ne ho scoperto miracolosi rimedi, ma vorrei sapere come la pensate.
Di sicuro c'è che è di nuovo lunedì e siamo in ritardo.
Io non posso insegnare un bel niente e comunque non sono loro a dover imparare la lezione.

Commenti

  1. Tempo, tempo, tempo...è sempre quello che ci frega!! Ma come si fa??

    RispondiElimina
  2. com'è vero... il tempo.. è sempre li la questione, ogni questione, tempo per fare, tempo da godere, tempo da risparmiare. Hai ragione è già lunedi e sono in ritardo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che cambi molto gli altri giorni della settimana!

      Elimina
  3. Noi abbiamo fatto una scelta precisa parecchi anni fa. Ho e abbiamo rinunciato ad un secondo stipendio e con esso a tante, tantissime cose. Ma io ho guadagnato e guadagno ogni giorno un sacco di tempo. E non saprei darla indietro questa entrata. Ma lo so, lo so, sono stata fortunata a potermi permettere questa scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà mi rammarico più per il loro di tempo, perché so di costringerli a tempi che non sono i loro.

      Elimina
  4. tempo, il tempo, averne di più sarebbe bello, ma l'importante è viverlo di qualità anche se a volte, sembra poco.
    un abbraccio Pamy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte volte però, causa stanchezza, quel poco che abbiamo si rivela anche di scarsa qualità perché siamo tutti "cotti"

      Elimina
  5. Capirai, come avrai capito dagli ultimi post, visto che passi da me (ancora grazie!) ormai il tempo non c'è neanche per scrivere, la cosa che più mi faceva (e mi fa) sentire bene. In effetti tempo fa (aridaje che torna il concetto di tempo!) riflettevo che un figlio mi ha insegnato (lui a me!) il valore del tempo. Con lui tutto è più lento rispetto a quando non c'era, anche se noi genitori super-impegnati facciamo finta di poter continuare a fare i supereroi tuttofare. Con lui ho imparato che se fuori piove un pomeriggio può essere passato a casa, senza cercare di ottimizzare sempre tutto come facevo prima. Ho dovuto anche imparare a perdere il tempo che ritenevo prezioso, quello fatto di palestra per sentirmi meglio, di incontri con amici, cinema...sì, quel tempo ormai è perso o, per meglio dire, centellinato. Forse questo, però, mi ha anche fatto capire l'importanza di cose che prima davo per scontate. Ora anche una mezz'oretta a leggere sul divano, a notte fonda, mentre lui dorme, o una pizza romantica in due, con lui dai preziosi nonni...mi fa rivalutare il tempo! Io non sarò la più indicata a insegnargli il valore del tempo o l'importanza del viaggio rispetto alla metà ma anzi lotterò per non fargli fare i miei stesso errori, quando per anni ho corso in una continua ansia da prestazione (e in parte ancora lo faccio), senza accorgermi dei posti che attraversavo mentre correvo. Per altro, ma forse c'entra poco, credo che abbiamo fatto lo stesso giro, solo io un paio di anni dopo :)

    RispondiElimina
  6. che bello! veramente emozionante pensare quanta strada si fa nel corso della nostra vita! quanti cambiamenti, momenti belli e brutti.....e ricordarli in maniera divertente attraverso un cartoon rende ancora l'idea come la vita sia una cosa fantahttp://mamma-manager.blogspot.it/2014/02/perche-amare-yves-rocher.htmlstica!!!

    RispondiElimina
  7. Ah sì è dura! Non si dovrebbe, e però non si può fare altrimenti. Anche qui, sempre di corsa sempre in ritardo. Rischio di transformarmi in coniglio di Alice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa storia per tutte inevitabile ma un po' triste!

      Elimina
  8. Che bel racconto!grazie, perché a volte ci serve qualcuno che ci faccia vedere che abbiamo poco tempo per VIVERE! io 15 mesi fa,con la nascita di mio figlio,ho ridimensionato il tempo. Adesso e più lento ma molto più pieno. Ancora Grazie! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata brava a rallentare e a vivere tutto in modo più pieno

      Elimina
  9. Il tempo è a nostra disposizione, non noi alla sua. Dobbiamo imparare a centellinarlo, perché è prezioso.
    Chissà se ho reso l'idea di quel che volevo dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai reso l'idea e ad usarlo come merita, aggiungerei

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.