Passa ai contenuti principali

#RACCONTIDICASA ... LA MIA: GRAZIE PHILIPS!


Che cosa significa occuparsi della casa, in questo periodo è per me qualcosa di molto astratto, tra gli impegni quotidiani e due figli attaccati dietro, spesso è solo caos.
L’elettrodomestico più sfruttato per il momento è la lavatrice, e i vestiti da stirare, più che a una montagna, assomigliano molto, all'intera catena alpina. Nei momenti peggiori ricorrere all'Ipernonna è indispensabile e comunque, è l'unica via percorribile che porta a un risultato concreto, ma quando questo non è possibile, e in alcuni casi, nemmeno giusto, accendo l'asciugatrice e cerco di tirar fuori il meglio che mi può dare. Ovvio che non sempre basti e che comunque, è del tutto inutile con alcuni capi, camicie tra tutti, che sembrano usciti da una ghigliottina.

Grazie a Fattore Mamma, che molte di voi di sicuro conosceranno, ma se così, non fosse, andate a dare un'occhiata qui che ne vale la pena, ho avuto l'opportunità di partecipare a una Campagna tester Philips e un giorno il corriere mi ha consegnato questo: Philips Perfect Care Aqua.
Non un ferro da stiro ma una vera e propria innovazione tecnologica, quello che ci voleva per una come me, in perenne lotta tra " lo stirato è elegante" ma "lo stropicciato è glamour".
So di altre mamme che hanno avuto la fortuna di provarlo e ho letto solo parole di soddisfazione. Io mi aggiungo a loro.
Questi gli aspetti in primo piano:
  • Non serve l'acqua distillata ma va benissimo quella del rubinetto.
  • La temperatura si regola in maniera autonoma, ovvero il Sig. Philips Care riconosce il tessuto, scongiurando così, il rischio bruciatura, per i capi più delicati.
  • Un pieno di serbatoio permette di stirare un carico di roba non indifferente e in pochissimo tempo.
  • E’ possibile attivare la modalità eco per il risparmio energetico
Grande soddisfazione per il risultato ottenuto con le camicie ed anche con quei vestiti che escono dall'asciugatrice piuttosto malconci, la piega nei pantaloni poi viene perfetta, non serve passare e ripassare.
Ora io non sono un'esperta e accontentare me è piuttosto semplice, così, per un ulteriore riscontro, ho fatto un doppio test e l'ho consegnata a mia madre, insieme, sia chiaro, a un cesto pieno da stirare. Lei che definire esigente, non rende l'idea, ha storto il naso precisando che "La Vaporella è scomoda" ma al ritiro del cesto ha avuto un'unica parola "Favolosa!" e detto da lei credetemi è una garanzia, potrebbe essere un perfetto regalo per il Natale.
Quindi dieci e lode per me, dieci e lode per lei e la casa ringrazia!
Vi lascio con quest’estratto del manuale d’istruzione … non so a voi, ma a me è stato utilissimo!

Commenti

  1. lo sai che anche a mia suocera è piaciuto un sacco!!! e io, in questa settimana di permanenza a casa nostra, le ho ceduto volentieri la montagna di panni da stirare;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi quel target di età li, e' scettica con le nuove tecnologie. Aver convinto loro, vuol dire molto!

      Elimina
  2. Dì alla Philips che se lo regalavano anche a me e mi stiravano pure una cesta di panni gli davo pure 11, come voto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io non sono un'amante dello stiro ( e chi lo e'?), però funziona così bene da dimezzare i tempi, e la fa diventare un'attività accettabile! :-)))

      Elimina
  3. mi sarebbe piaciuto provarlo... :)

    ti aspetto da me

    Marie Claire, Vogue, Elle parlano di Mathilde de Turckheim venite a scoprire i suoi accessori direttamente da NEw York…http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/mathilde-de-turckheim/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di iscriverti a Fattore Mamma, per partecipare a queste campagne.

      Elimina
  4. Aiutooooo. Il ferro da stiro nooooo!
    Io odio stirare!
    Pauuuuuura! ;p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io.....questo e' perfetto per quelle come noi!!!

      Elimina
  5. Il manuale d'istruzioni me lo salvo, vista l'entita del cesto camicie:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre lo leggevo mi sentivo proprio un'incapace e comunque si....in materia lo sono!!!!

      Elimina
  6. se volete a casa mia il mucchio dei panni non cala mai.. .metti che dovete testare meglio il ferro ve lo metto a disposizione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vienilo a prendere visto che abiti vicino!!! Così potrai testare che ho detto la verità, tutta la verità!!! :-))))

      Elimina
  7. Ecco, adesso mi hai fatto venire i sensi di colpa perchè invece che stirare sono qui a cazzeggiare su internet!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io a volte, pur di non stirare, indosso lo stropicciato, che tanto con la moda di oggi, non se ne accorge nessuno! :-)))

      Elimina
  8. Ti passo anche il mio cesto di roba da stirare?? Scherzo. Un elettrodomestico valido aiuta molto, anzi, moltissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto proprio scoprendo che un elettrodomestico valido, può fare la differenza!

      Elimina
  9. Anche a casa mia questo ferro sarebbe utile però al momento e' una spesa eccessiva...
    Non è un po' ingombrante con la caldaia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il costo forse si e' un po' alto, rispetto ad un normale ferro da stiro, ma il fatto e' che NON e' un ferro da stiro! Non e' molto ingombrante, forse dalle foto sembra più grande di quel che e'

      Elimina
  10. Ecco no. Il post sul ferro da stiro non me lo dovevi fare! Io ODIO stirare. ODIO il ferro da stiro. Odio con tutta me stessa quelle sue goccioline maledette che ogni tanto sbuffa fuori quando tutto stava per filare liscio. No. Non mi avrà mai. E' l'unica cosa che non faccio in casa e mai (spero) farò, demandandola a tutte le anime pie che gravitano qui dentro... (ipernonna compresa, che ha pensato mesi fa di regalarmene uno nuovo del tipo di quello che hai testato. se fosse per me sarebbe ancora chiuso nella scatola..) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)))))) .... Lo strumento in casa serve come esca per attirare chi vuole provarlo ed approfittarne!!!

      Elimina
  11. ti aspetto...
    New shoes .http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/mofra/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere passata, ricambierò la visita!

      Elimina
  12. anche io odiavo stirare...PRIMA. adesso non che abbia svoltato, ma questo ferro è mitttttico!!!! (devo scrivere il post, vado vado vadooooooooooooo) ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che vengo a leggere il tuo resoconto...e il prodotto e' ottimo!

      Elimina
  13. in questi giorni mi farebbe proprio comodo visto che il mio ferro è deceduto e ne sto usando uno di riserva che sembra quello che usavo a 10 anni per stirare i vestiti delle bambole!!!

    RispondiElimina
  14. Sono come San Tommaso, se non vedo non ci credo: vieni a casa mia a farmi una dimostrazione???

    RispondiElimina
  15. Piky capiti a proposito .....avrei una ventina di camicie :D

    RispondiElimina
  16. Piky, a me stirare piace, ma con questo ferro ancora di più ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.