Passa ai contenuti principali

NON SONO PIU' FIGLIO UNICO (ma mi sto adattando)


E' l'ennesima volta che quel camioncino cade sul pavimento, non può trattarsi di un incidente, non più.
Cade perché lanciato, perché la volontà è che vada a sbattere proprio laggiù, vicino alla porta, che semi socchiusa, non proteggerà mai il rumore assordante che un giocattolo così piccolo, può fare.
Lo guardo male, malissimo, lui prova a fare altrettanto ma anche se non dico una parola, non cedo. Alza un po' il mento, socchiude gli occhi e abbozza un ghigno mentre io lo guardo ancora più "brutto", mettendo un punto sul fatto che di anni ne ho molti più di lui. Il fracasso fatto dalla macchinina precipitata, è ora sostituito da un silenzio assordante e, vista l'atmosfera che si è creata, ci starebbe pure bene una di quelle musichine che mettono nei film western, quando sta per iniziare la sfida finale, dove uno solo ne uscirà vincitore, poi però, improvvisamente la tensione si scioglie, la casa riprende i suoi rumori normali e lui, a piccoli passi, torna a muoversi. Mi volta le spalle e rassegnato, abbassa lo sguardo.


" Si lo so, non sono più figlio unico, e non posso continuare a fare ciò che voglio. Troppo rumore la sveglierebbe, (e lei non dorme mai!), la cameretta non è più solo mia (che ti credi che non mi sia accorto che da blu è diventata verde?), tu la devi tenere in braccio altrimenti lei piange (in realtà strilla, ma oramai sono abituato!) e comunque la mia vita di prima è andata a farsi benedire (e guarda che a me piaceva eh?!) ”
Se i pensieri potessero parlare credo che oggi udirei questo, ma sul fronte gelosia, ho smesso da un pezzo di farmi domande e lascio che sia il tempo a curare la malattia. E' stato per tre anni il nostro centro, il fulcro di tutto ciò che vivevamo e la ragione per cui lo stavamo facendo. Siamo cambiati per lui, non direi annullati ma di sicuro riscritti, plasmati sui suoi bisogni e tarati sulle abitudini. Avevamo un figlio e lo volevamo "vivere", l'abbiamo fatto senza remore.
Ora sono due e le esclusive di prima, sono un ricordo, senza rimpianti.
Ci avevano detto di coinvolgerlo, di farlo sentire grande e importante, indispensabile per il nuovo ménage, ma non è servito a molto.
Ci avevano detto di occuparci di lui, più di quanto non facessimo prima, di "piazzare" la piccola con qualcuno e concedergli momenti esclusivi, ma questo è molto lontano dall'essere possibile, poi ci avevano anche detto di aspettare, di lasciar fare al tempo, che una volta le famiglie erano numerose e certi problemi non c'erano, e dare importanza al cambiamento non avrebbe giovato.
Da tutto questo ho preso spunto e coraggiosamente stiamo attraversando la fase, non siamo arrivati alla soluzione ma il traguardo lo vedo vicino o forse m’illudo che sia così, ma, in mezzo a momenti in cui lui ci vorrebbe solo per se, assisto alle prime scene di solidarietà tra fratello e sorella. Io che burberamente "sgrido" Cicina per i suoi capricci, e lui che teneramente interviene dicendo "Mamma, lei è piccolina" oppure "Dai retta a me dalle un po' di latte così smette di piangere". A volte allento un po' la presa e mi limito a osservarli da lontano, lei gli sorride tanto, gli piace, gli vuole bene, si vede, lui le parla, gli racconta e butta lì una favola o un gioco nuovo. Vuole toccarla, abbracciarla e averla tutta per se, s’innervosisce quando altri la prendono in braccia e spesso li allontana stizzito. Sembra volerla proteggere e richiama all'ordine chi la infastidisce. La mattina si sveglia e se non la vede, la cerca, poi magari se ne disinteressa, forse solo perché sa che lei e lì comunque e in questa fase di svezzamento, si stupisce divertito, nel vederla usare il cucchiaio.
E' faticoso non lo nego, gestire, soppesare, dosare le parole e cercare di sbagliare il meno possibile, non è semplice come pensavo.
Mi dicevano che con i figli uno più uno fa tre, in realtà, con il senno di poi, la somma è di gran lungo più alta ma di sicuro proporzionata alla soddisfazione e alla felicità, questo lo dico con certezza e comunque …. lui non è più figlio unico, ma si sta adattando e gli piace... Per lo meno è cosi che voglio pensarla.
Per chi volesse sapere da dove siam partiti può andare QUI

Commenti

  1. Che teneri questi fratelli maggiori, di colpo diventano grandi e secondo me soffrono più di quel che mostrano. Bravo cestino! Ho paura a pensare quello che sarà tra poco, ma non vedo l'ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho la percezione che "soffrano" di più di quel che mostrano ma e' la loro prima prova da grandi e il nostro stargli vicino e' fondamentale.

      Elimina
  2. non deve essere facile per lui. non so il mio come la prenderebbe visto che se per disgrazia c'è gente e non se lo fila fa un disastro per essere al centro dell'attenzione. secondo me cestino è bravo, e se hai la sensazione che ci si stia abituando allora è così! si sta abituando, anche grazie a voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cestìno era uguale, però si sta adattando e lo vedo molto più cresciuto.

      Elimina
  3. Mi hai fatto tornare indietro nel tempo...Quante macchinine scagliate a terra, quanti sensi di colpa per un rimprovero (tra l'altro meritato), quanti improvvisi attacchi di mammite!
    Ma vedrai che passa, davvero. Adesso per noi la gelosia si è trasformata in sana rivalità tra fratelli che, comunque, si amano da impazzire.
    E uno più uno non fa tre. Uno più uno è una folla.

    RispondiElimina
  4. Un po' di gelosia penso che sia normale, cresce lei, cresce lui e speriamo che facciano squadra.
    Forza Piky!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la faranno e mi sa tanto contro di noi! :-))))

      Elimina
  5. Che tenero questo fratello protettivo ma, come normale, dicono, geloso.
    Non sapevo di questa somma anomala ma la terrò presente per il futuro, non si sa mai!!
    Forza Piky, ti leggo e ti ammiro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che i principi della matematica non ridicono e che in questo caso possiamo dire che e' un'opinione!

      Elimina
  6. La gelosia fraterna è una gran fortuna!
    Ti apre un mondo, ti aguzza l'ingegno, ti fa capire che non esisti solo tu, ti rende tollerante e sensibile e fa crescere i tuoi genitori! ;)
    Lo so che il mio commento non ti aiuta nella gestione quotidiana, ma magari te la fa sopportare meglio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine non c'è nulla che aiuta, bisogna solo viverla!

      Elimina
  7. Bellissima la scena stile "Stewie Griffin" in cui ti sfida! :D a parte questo quando sono stanca mi chiedo come si possa essere bisMamma, mi dico che uno va più che bene per me e mio marito è ancora più convinto di me (LUI!!! Mah....!) poi però penso che tra i due sono io ad essere stata sempre figlia unica e so che cosa significa...so che mi è sempre mancata la possibilità di dividere le "colpe" e i momenti felici, di chiedere "fratellone/fratellino/sorellina ecc ecc. come si fa a..." Oppure "vieni a cena da me?", "giochiamo insieme?". Ci sono fratelli che a volte sarebbe meglio non avere (ho degli zii che hanno ferito i miei genitori come una lama...quando si dice "parenti serpenti"!) ma se una famiglia è sana (e la tua mi sembra bellissima!!) un fratello e una sorella sono un regalo prezioso che i genitori ci fanno...ci regalano un amico per la vita. Per questo spero di dimenticare presto lo stress che sto vivendo con paperetto di 6 mesi!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho due sorelle con cui ho un bellissimo rapporto, abbiamo litigato fino alle lacrime molte volte ma il bene che ci vogliamo e' a questo proporzionato. Ringrazio i miei genitori per questo regalo inestimabile, avere un fratello o sorella, ti da la sensazione che non sarai mai solo.

      Elimina
  8. Dai che la luce si vede, o almeno io la vedo in fondo al tuo tunnel! Sai cosa mi ha detto Pupa l'altro giorno? Mamma ma non dovevi fare la Sorellina! Perché chiedo io? È troppo rumorosa!! Conta che lei piange poco e se non è x la fame è x colpa di Pupa o xchè io sono occupata con Pupa!! Hai tutta la mia solidarietà! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, le proteste non mancano nemmeno qui, ma piano piano sono sostituite da scene di solidarietà e questo e' il premio per tutte le fatiche e preoccupazioni.

      Elimina
  9. Vedrai che le cose continueranno a migliorare con il passare del tempo.
    I miei figli hanno solo 18 mesi di differenza ma all'inizio è stata dura. Gestire la gelosia è sempre un affare importante!
    Nel momento in cui hanno iniziato a condividere momenti di gioco le cose sono andate migliorando.
    Anche a me avevano dato tanti consigli, ma non ne ho ascoltato nemmeno uno. Io non riesco a separare un figlio dall'altro, noi siamo una famiglia e se uno va dai nonni ci va pure l'altro, non si fanno vacanze separate o pomeriggi diversificati, tutto insieme e sempre. E' la nostra regola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo che meno fosse la differenza d'età meno fosse la gelosia, ma tante mamme, come te che hanno avuto quest'esperienza, mi hanno fatto capire il contrario, perché pochi mesi di differenza tra i due, significa anche esigenze simili e bisogni pressoché uguali, che non e' possibile ignorare, il tutto unito alla difficoltà nell'esprimere i propri sentimenti e all'impossibilita di trovare a volte altri sfoghi. Dover condividere l'affetto dei genitori credo sia sempre dura da superare ....e comunque ti ammiro tantissimo, due figli in così poco tempo...per me sei un super eroe!

      Elimina
  10. Che tenero Cestino che da fratello maggiore "protegge" la sorellina da chi la vuole prendere in braccio. Piano piano si sta abituando e solo da grande si renderà conto che il regalo più prezioso che avete voluto per lui è proprio lei! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sarebbe la vera gioia, che a vederli insieme io già mi commuovo, figuriamoci quando cresceranno e faranno le cose insieme ( se le faranno! )

      Elimina
  11. Bellissimo Piky, questo post è veramente dolce e credimi che mi serve tanto, anche se per adesso di bimba per casa ce n'è una sola. Sei una Signora Mamma :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gelosia tra fratelli e' una delle preoccupazioni che avevo anch'io e che mi frenava un po' dal provare ad avere un secondo figlio...avevo paura di togliere ed invece ho aggiunto.

      Elimina
  12. Non sei tu che vuoi convincerti di questo, ma credo proprio che stia accadendo.
    Tutti hanno il consiglio giusto, ma solo mettendolo in pratica si scopre se è giusto anche per noi.
    State andando benone, secondo me! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seguo la strada ed un po' anche la corrente, a volte burrascosa altre incredibilmente calma!

      Elimina
  13. conosco una mamma all asilo di matti...che ha appena avuto un altro bimbo...il primogenito treenne, geloso pazzo del primo...dice che tutto cio' e' impegnativo ma ce la fara'..
    forza..^_*

    RispondiElimina
  14. E' tutto normale, ma anche difficile...immagino...le bismamme hanno una marcia in piu'.. :) o cmq se la devono far venire...brava ;)
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ce l'ho e' perché me la son fatta venire!!! A parte l'ironia...e' dura ma e' bello!

      Elimina
  15. Sai che ci sono passata solo pochi mesi prima di te, ti assicuro il peggio è passato. Ti ho sempre detto che avresti avuto momenti bui ma che se guardavi attentamente avresti visto la fine del tunnel anche se distante. Gelosia...chissà se di gelosia si tratti o se è solo il suo "riscriversi" -citandoti- in queste nuove dinamiche fatte anche di quell'esserino simpatico e ben accetto ma ? E vedrai, ogni giorno ci sarà sempre più affiatamento espresso, lei cercherà disperatamente lui e lui lei, saranno l'uno parte dell'altra, bisticci compresi e sappi che tra di loro potranno baccagliarsi ma nessun dei due, a proprio modo, accetterà silenziosamente che tu o il Principe baccagliate l'altro ^_^
    Io da figlia unica ho scoperto la bellezza di due fratelli che si sono sempre avuti (non è sempre così, mio marito e la sorella maggiore si sono sempre detestati, dal primo giorno e per l'eternità), i tuoi come i miei sì, si sono sempre avuti e se li guarderai di nascosto (aspetta che Cicina sia un pò più grandina e vedrai...) lo vedi con i tuoi occhi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu lo sai sei la mia musa, in questi mesi i post che lessi su di voi, mi son tornati sempre alla mente e di spunti ne ho presi parecchi!

      Elimina
    2. na musa"ta" vorrai dire ^_^
      almeno ti tiro su il morale quando pensi di esser male, io sono peggio!

      Elimina
  16. La mia maiuscola è molto migliorata con la minuscola da quando va alla materna e ha un "tutor" di 5 anni. A casa ora vuole aiutare la piccola a mangiare, a giocare, a vestirsi. Poi le fa gli agguati e la butta per terra, ma non si può avere tutto. :-D
    In compenso ora la piccola comincia ad essere gelosa quando coccolo la grande...
    Ma si cercano anche tantissimo. Che fatica, ma che gioia (a tratti, e cerco di tenerlo ben presente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quel che sento gli agguati sono mal comune, e' il modo dei grandi per stabilire la supremazia! ;-)))

      Elimina
  17. Ma si, tranquilla. E' una fase, ma poi passa. Io da bambina detestavo mio fratello, lo avrei venduto... giuro... però col tempo devo dire che è diventato la persona che amo di più al mondo. Non lo cambierei con nessuno. Mai!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da come si comporta per ora la piccola, mi sa Che da grande riscatterà questo periodo di gelosia del fratello, ed ho il sentore che lo farà pensare un po', sarà bello osservarli!

      Elimina
  18. Io non ho ancora questo problema ma credo che sarebbe davvero faticoso da superare, il mio pupo è geloso anche di me e mio marito, non possiamo metterci vicini o parlare che lui si mette a fare di tutto per attirare l'attenzione, anche buttando giocattoli non a terra, ma addosso a noi, figuriamoci con un fratellino o una sorellina cosa succederebbe. Coraggio, questa fase passerà, un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlare tra di noi, in sua presenza, e' una chimera anche per me e il Principe, pensa che spesso ci mandiamo mail!

      Elimina
  19. Da sorella maggiore che ha visto nascere il fratellino 3 giorni prima del mio 3° compleanno...quindi nemmeno la mamma a casa!!Per esperienza personale ti dico che la gelosia non la fanno venire i genitori, me lo facevano prendere, coccolare, giocare lo adoravo e lo adoro ancora oggi, ma gli altri, quelli che appena ti vedono vicino a lui/lei cominciano a dirti lascialo stare, stai attenta, non fare così, non fare colì...I rapporto tra fratelli in futuro poi è un incognita non credo che ci sia una ricetta valida per tutti è questione di feeling e affinità io elui andiamo d'accordissimo...Ma conosco altri fratelli/sorelle che non legano...Quindi fai del tuo meglio come già stai facendo e incrocia le dita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco due fratelli, che poi sono i miei cugini, che sono nati lo stesso giorno, così il compleanno del più grande che era in programma per la sera, e' saltato...si amano alla follia, nonostante quest'inizio!!

      Elimina
  20. Piccola lacrimuccia...come sai i miei due mi fanno non poco penare, ma quante gratificazioni quando is baciano, si cercano, si amano come solo fratello e sorella sanno fare!

    RispondiElimina
  21. Piky, ho riletto il post di fine giugno: avete già fatto un bel pò di strada, dai!
    Dai altro tempo a Cestino e vedrai che si rasserenerà del tutto. O meglio: non avrà più quella forte gelosia, ma non è che non litigheranno, eh!! Sarebbe anormale se tra fratello e sorella non ci si azzuffasse :-)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me rileggerlo ha dato l'impressione di un miglioramento, e spero che il prox sarà ancora più positivo!

      Elimina
  22. "Mi volta le spalle e rassegnato, abbassa lo sguardo"
    Ho pensato fra me "Ha ceduto solo per un motivo: è il primogenito! Lascia crescere la pulciotta!" ahahah!!! perdonami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No anzi, se hai qualche dritta io prendo appunti!

      Elimina
  23. Sono sicura che stai facendo del tuo meglio come sempre!!!sei in gamba!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... Mi impegno, poi i risultati non lo so..

      Elimina
  24. Non sarà facile, impossibile pretenderlo, xò si dà sempre il meglio e questo voglio credere basterà.
    Siete una bella famiglia con tutte le sue gioie e le sue difficoltà ma soprattutto con tante soddisfazioni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.