Passa ai contenuti principali

UN BIGLIETTO PER LE STELLE

La settimana appena finita, ha visto me e il Principe compiere gli anni.
Lunedì per lui, giusto ieri per me ed entrambi 39 anni a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro.
Magari nel lontano 1974 siamo pure stati vicini di culla e chissà, forse è lì che ci siamo dati appuntamento per tre decenni più tardi. Comunque sta di fatto che in appena sei giorni, abbiamo spento 78 candeline mangiato una vergognosa quantità di calorie, distrutto un conto in banca e ricevuto auguri a pacchi.
Il Principe di certo ha patito un po' di più la festa di lunedì, perché dopo 12 ore di lavoro anche soffiare sopra una crostata, può essere un tantino faticoso, mentre a me, con la domenica, è andata meglio e me la son goduta!
Giornate così alla fine son sempre dei traguardi e la tentazione di fare bilanci, anche se nebulosi, è inevitabile.

Il certo è che ormai tutto è diverso rispetto al passato, a quando consideravamo i nostri compleanni feste nazionali da prenderci pure le ferie per festeggiarli a dovere (si è successo!)
Oggi sono solo step, conti che ci dicono che stiamo invecchiando, conditi da qualche piccola follia per non farlo troppo in fretta. Sono l'occasione per ricevere bacini gratuiti e abbracci disinteressati di prima mattina, per una foto con l'autoscatto e per vederti soffiare le candeline da qualcun altro (che tanto oramai lo sappiamo che per far avverare un desiderio non basta una spegnere una fiammella).
Le priorità sono diverse e di quelle ci importa.
 "Tutto cambia con i figli", e questo vale anche per i compleanni.
Abbiamo festeggiato i nostri, in ogni modo possibile.
Mi ricordo di quella volta sotto il cielo di Mikonos; girammo così tanti locali che non riuscimmo a consumare nemmeno una colazione, e di quell'anno in cui invitammo a cena parenti e amici da far pensare a tutti all'annuncio di un matrimonio, mentre noi in realtà volevamo solo mangiare una pizza in compagnia, e ancora di quando partimmo allo sbaraglio per ritrovarci a brindare su un terrazzo da cui si vedeva tutta Roma.
Quante volte abbiamo aspettato la mezzanotte per farci gli auguri e poi decidere che potevamo arrivare fino all'alba!
Sembra la vita di qualcun altro mentre basta tornare indietro di qualche compleanno per essere di nuovo li.
E allora qual è il bilancio?
Il bilancio è molto romantico in verità e non lascia spazio a rimpianti:  quattro occhi furbi che ci guardano, amandoci, qualche ruga sotto gli occhi, qualche filo bianco tra i capelli, una pizza con due amici e una canzone che non riesco a togliermi dalla testa … poi se vogliamo essere venali, il bilancio è anche un post che sto scrivendo da un gioiellino nuovo di zecca e son soddisfazioni!

Commenti

  1. Sembra veramente una bella favola :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo nel finale "e vissero felici e contenti" :-)))

      Elimina
  2. Ma auguroni doppi!!! Ti pensi l'anno prossimo che saranno 80?!?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci penso si!! Non so se ridere o piangere però quasi quasi li festeggio!!!

      Elimina
  3. che bel post Piky... e hai ragione, con i figli tutto cambia,anche i compleanni. E non vorrei mai tornare indietro per niente al mondo, a quando i miei compleanni erano senza le nane, anche se allora ci potevamo concedere follie che oggi sarebbero impensabili. Amo questa nuova dimensione di serenità familiare che mi avvolge come una coperta. Auguri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che aumentando la loro autonomia, qualche follia ci potrà ancora stare!

      Elimina
  4. Augurissimi!!! Il '74 è stata una grande annata (anche io è Lui siamo di quell'anno li!) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande anno, il prossimo si fa un festone eh?!?!?

      Elimina
  5. Auguri a tutta la vostra bella famiglia! Io credo che i bilanci a questa età servano anche per ricordarsi di sentirsi enormemente fortunati e voi lo siete! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti più che un bilancio e' importante guardarsi intorno ed apprezzare quello che si ha.

      Elimina
  6. bene bene, son contenta che sia un bilancio così positivo!

    RispondiElimina
  7. Augurissimi e complimenti per il bilancio "doppio" più che positivo!!!
    Perchè ve lo siete anche meritato, mica è solo fortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci abbiam lavorato su, e non abbiam mica finito?!?!?!?

      Elimina
  8. Auguroni ad entrambi!
    Per i bilanci, è normale farli secondo me, ed è bellissimo che siano fatti con occhi romantici!

    RispondiElimina
  9. Doppi Auguri a voi!!!
    I compleanni sono momenti di bilanci e ricordi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. evvaiiii...auguri pikina.
    ahhh ma ti sei regalata un picci nuovo, ho capito male??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà e' un cellulare iper digitale, sponsorizzato dal Principe.

      Elimina
  11. belli voi!!!
    Auguri doppi e bel post!!! ;-)

    P.S. Sei nel mio meglio della settimana scorsa.. e credo che sarai anche nel prossimo con questo post...! ^_^

    RispondiElimina
  12. ma questa cosa è troppo romantica! intanto auguri ad entrambi e sono certa che una volta goduti i periodi in cui sono micro esseri umani a soffiare le candeline al posto vostro seguiranno ancora viaggi e mezzanotti da sogno!

    RispondiElimina
  13. Auguri Piky!!! Ma tanti tanti!
    darling

    RispondiElimina
  14. dai.....che bello! auguri cara!

    Idee da oltre...Manica! http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/made-with-love-amoralia/

    Grazie

    Mari

    RispondiElimina
  15. Vero, i compleanni, dopo l'arrivo dei figli, perdono di lucentezza. Però almeno così non ci si sofferma troppo a pensare a quante candeline ci sono sopra quella torta li. :-)

    RispondiElimina
  16. Tantissimi auguroni a te e al Principe! Quando nel bilancio arrivano a esserci degli occhioni furbi significa che si è fatto un bel lavoro;) baci

    RispondiElimina
  17. Che bello compiere gli anni insieme, con poche ore di differenza...
    Auguri anche al Principe allora, a te le avevo fatti in FB!!!!

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Mi incanta il tuo modo di scrivere, sei incredibilmente brava, riesci a farmi sognare e mi riporti e ricordi i sentimenti più veri e importanti. Grazie cara, e buon compleanno a te e tuo marito, seppure in ritardo. Un bacione
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te che descrivi tutto nei dettagli, con precisione e con cuore, e' molto gratificante!

      Elimina
  20. Che bello festeggiare in fila! :)
    Bello quando si festeggiava veramente però. ora io prendo "ferie" solo per festeggiare i compleanni dei bambini...

    RispondiElimina
  21. Ma tanti auguri! Direi che avete un bilancio ottimo, ogni compleanno una sorpresa bella e chissà cosa vi regalerete per il prossimo importante traguardo :)

    RispondiElimina
  22. tantissimi auguri!!!!!!! che bei ricordi!

    RispondiElimina
  23. auguri doppi! anche noi li festeggiamo a 4 giorni di distanza, ma sono stati 40...

    RispondiElimina
  24. Bè, intanto doppi auguri! :)
    Poi, ti dirò che i miei genitori sono come voi due, due del segno della vergine, nati ad una settimana (e qualche anno) di distanza. Vanno d'accordo? Non so dirtelo con certezza, di sicuro stanno insieme da quasi 50 anni! :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa cosa me la tengo come buon auspicio! Grazie Ninin!!!

      Elimina
  25. Non dovremmo mai smettere di farlo! Auguroni mamma piky :)

    RispondiElimina
  26. E' mia abitudine rispondere sempre a tutti, mi piace il confronto e questa che considero una casa virtuale, e' il posto ideale per questo. Però stavolta gli auguri sono tanti ed il periodo caotico e quindi mi arrendo. Ho letto i commenti di tutte e vi ringrazio di cuore, per la presenza, il pensiero e l'affetto.

    RispondiElimina
  27. Auguri anche se in ritardo!:)
    I compleanni sono sempre tempo di bilanci...il vostro sembra essere un bilancio di sorrisi!:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.