Passa ai contenuti principali

IL FASCINO DI UN WEEK END (in punti salienti)



E così siamo alla fine.
La fine di un'estate non proprio da ricordare e nemmeno troppo calda per i miei gusti.
Tre mesi, una stagione che amo più delle altre ma che, quest’anno, oltre a preoccupazioni e pensieri, poco altro ha lasciato. Troppo triste era pensare che fosse finita senza una parentesi di relax anche per noi e cosi alla fine, su due piedi, abbiamo ceduto alle lusinghe e al fascino di un week end di mare un po' fuori stagione, iniziato in un anomalo giovedì e terminato con una piena domenica. Un grappolo di ore per rimediare a ciò che quest'ultimo periodo non è stato e per dare una conferma a Cestino che ha passato l'estate dicendo a tutti "Io domani vado al mare".

Siamo andati QUI, uno dei paesi per me più carini della Riviera, per il suo caratteristico canale e a misura di bimbo, con l'essenziale e senza tanti "fronzoli".
Non avevamo programmi ma solo qualche desiderio da realizzare con la speranza che le promesse fatte, questa volta le avremmo mantenute.
Il viaggio, relativamente breve, non ha presentato buche e all'arrivo sole e caldo ci hanno accolto.
 
Una Postilla sulla sistemazione: bassa stagione non credo voglia dire minor servizio e fare un restyling alla facciata dell'hotel ma lasciare l'interno così com'era negli anni 60, la considero un po' pubblicità ingannevole. Un’abat jour su un comodino credo sia doverosa e una piccola mensola in bagno è necessità, non accessorio. Io poi, che se ho un pregio, non è quello di essere accomodante (non per l'essenziale per lo meno), vivo male l'hotel se entrandoci, la prima sensazione che mi lascia è quella di dover pulire. Comunque tutte le mancanze sono state proposte con gentilezza e con un sorriso, e questo per correttezza va segnalato.
Per il resto ho cercato di rilassarmi e abbronzarmi anche un po’ e seppur in pochi giorni di osservazione, ho fissato una serie di punti, che a passarci una stagione intera, c'è materiale per un'enciclopedia di dodici volumi. In  tal senso faccio appello a Eu perché per il prossimo anno, prenda seriamente in considerazione la proposta!
Dunque dalla mia postazione n. 10, seconda fila, lato sinistro, ho stabilito che:
  • In questo periodo l'età media del bagnante è o molto alta o molto bassa.
  • Il bikini non va mai abbinato, se il sotto è bianco, il sopra è nero, se il sopra è marrone, il sotto va giallo ed anche rosa/rosso non è più un tabù.
  • Non sono solo i bambini a perdersi in spiaggia ma anche i nonni sono ad alto rischio, io per lo meno ne ho visto uno che sfuggiva di continuo al controllo dei nipoti, con crisi isteriche di tutta la famiglia.
  •  Andando a fare il bagno, non è più di abitudine legarsi per comodità, igiene e salute folti capelli lunghi, ma per tendenze trendy, scioglierli giù e lasciarli liberi di vagare come tentacoli da medusa affogati nella salsedine.
  •  Molte mamme oramai insegnano "il ballo delle veline" alle rispettive figlie e costringono i figli maschi, a guardare e applaudire (se tra qualche anno lo dovessi fare anch'io, vi prego di abbattermi poiché soggetto socialmente dannoso)
  • Va molto di moda dire "Quanto sei vip!"
  •  I pochi giovani in spiaggia tengono comizi di politica e preparano esami universitari, ma poi le giovani si fanno una birra con il bagnino figo.
Oltre a questo?
Oltre a questo abbiamo, sorriso (tanto), giocato (di più), parlato (a fiume) e cantato (stonando) ed io ho pure capito che amo fotografare il niente…ah si abbiamo anche realizzato un sogno e scoperto che l'eroe buono non va più di moda......
(fine prima parte).

Commenti

  1. Due cose:
    1) ho sempre, sempre mischiato i costumi,io!
    2) Tranqui, io ti abbatteró, nel caso in cui...
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prox anno provo anch'io...eh si perché quest'anno c'era poco da mischiare visto che me ne entrava solo uno!!! :-(((((

      Elimina
  2. Il ballo delle veline???
    Ecco, in questo momento sono contenta del secondo maschietto, sia mai che cado in tentazione...
    Per abbatterti nel caso ci cada tu, sono disponibilissima!
    Il bagnino figo è un clichè, ma fa così estate che è giusto mantenerlo, dai!
    Bravi per l avventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ballo delle veline era raccapricciante, una mamma sul bagno asciuga spalle alla spiaggia ed una figlia grandicella a cui insegnava dei movimenti da bancone di Striscia, canticchiando e correggendola. Il figlio seduto a fianco doveva applaudire a performance conclusa!!!

      Elimina
  3. Un po' di mare ci voleva, bravi :)
    il balli delle veline?!
    usssignur...
    darling

    RispondiElimina
  4. Sono contenta che vi siate divertiti tanto, abbiate giocato e, forse, staccato un pò la spina dalla solita routine. Aspetto la seconda parte;) Un bacione

    RispondiElimina
  5. mischio sempre i costumi, mi da l'idea di averne una valanga quando invece sono magari solo 3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena rientro in una taglia decente lo faccio anch'io!!

      Elimina
  6. secondo me il nonne fuggiva...non si perdeva! ma com'è il ballo delle veline? che vuoi dire...sai non vorrei essere io una di quelle va...che con la figlia sgambettiamo di continuo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che tu faccia parte della categoria, in primis per l'età della figlia e poi non ti ci vedo proprio a fare quello che ho visto e raccontando sulla risposta a Hermione...vai a leggere e poi mi dici!! ;-)))

      Elimina
  7. Sulla questione albergo...sei stata secondo me fin troppo educata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anche tralasciato altre cosette per non sembrare noiosa, però erano così educati e sorridenti che non son riuscita a lamentarmi.

      Elimina
  8. A parte l'hotel (il prossimo anno viene dalle mie parti....Conero....), hai azzeccato i giorni migliori per il mare. Poca folla, giornate calde ma non afose e voglia di godersi gli ultimi giorni di vacanza!!
    Non preoccuparti per il "ballo delle veline", se ci fosse bisogno sosterrò il tuo "abbattimento" con tutte le forze!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il clima era perfetto e la zona del Conero non la conosco, ma rimedierò!

      Elimina
  9. confermo, Conero tutta la vita :-)

    Bentornata allora anche se "solo" da un we.
    bacio.

    RispondiElimina
  10. Ho visto le stesse scene di velinaggio anch'io...mamme che insegnano alle figlie, agghiacciante! Faccio il tuo stesso appello: se divento così, una bella mazzata in testa!

    RispondiElimina
  11. Alcuni dei punti di cui sopra mi rinforzano nella mia scelta della montagna, io mini-veline non ne ho viste per fortuna :D
    Avete fatto proprio bene a prendervi una pausa, magari piccola ma certamente proficua.

    RispondiElimina
  12. hai incontrato un'umanità varia, diciamo! tranquilla ho già caricato per abbatterti nel caso, ma dubito che dovrò tirare fuori l'artiglieria pesante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai non si sa mai, troppe notti insonni possono causare danni permanenti!!!

      Elimina
  13. il problema è che "il ballo delle veline" l'hanno innato. mia figlia appena sente una qualsiasi musica si mette a "sculettare" ed è creciuta a macchinine e mostri con una mammma che quasi non sa cosa voglia dire andare in discoteca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci mancherebbe che non ballino a quest'eta', ma li il discorso era diverso, dai un' occhiata alla risposta a Hermione.

      Elimina
    2. letto. no, in effetti è tutta farina del suo sacco...

      Elimina
  14. che bello! pochi giorni (come noi), ma comunque "utili" a staccare un po' :-)
    Quanto sei vip mi mancava!:-)

    RispondiElimina
  15. ah si e' vero molti punti concordo..
    forte questo post

    RispondiElimina
  16. Ma come fine prima parte ? =)) =)) volevo capire la cosa dell' eroe ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La racconterò ma troppo lunga per farne un unico post! :-)))

      Elimina
  17. ben detto mammapiky! a me tocca domani partire ma per lavoro..ma giuro che quando torno febbre permettendo dei cuccioli mi dedico anche io un weekend coi fiocchi
    ;)

    RispondiElimina
  18. Ma sai che io i capelli quando faccio il bagno nn li lego mai...li tengo a mò di medusa e mi piaceeeeeeeeeee ahahahhahahahhahaha...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che io li ho così fini che con tutto quel sale li farei scomparire!!!!!

      Elimina
  19. non c'è niente di meglio della leggerezza che ti prende quando fotografi il niente.
    Che poi niente non è mai. sono sempre cose che se non ti fossi soffermata a fotografare sarebbero state perse...
    (cmq tutte le vere fescion mischiano i costumi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre riguardano le foto pensavo a te e a ciò che crei tu...dei capolavori!! Come stai?

      Elimina
  20. Il mare non è mai fuori stagione! Che bello. Sta storia dei costumi invece...azz! Non la sapevo. Che sfigata! Adesso mi tocca tornare al mare per rimediare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il prox anno ci provo che mi piacciono pure e pare che ringiovanisca!!!

      Elimina
  21. Ahahaha eccomi!!!!!!! Mia cara il posto dove sei andata è degno di nota!!!! Io pure mischio i costumi, che da due faccio diventare quattro, da noi i nipoti venivano lasciati ai nonni e i nonni se ne fregavano. Un giorno sono andata da una nonna e gli ho detto: "È normale che sua nipote di 2 anni sia con l'acqua fino al mento senza braccioli?" Beh non era normale. C'era il bagnino giovane a tirarla fuori. Poi per due giorni ho avuto, davanti all'ombrellone, un piacevolissimo spettacolino acrobatico, messo in piedi da tre ragazzine scassamarroni. Ti propongo, per l'anno prossimo, una vacanza insieme un po' da una parte e un po' dall'altra...... da scrivere a 4 mani ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre osservavo quanto ti ho pensato!!!! :-))))

      Elimina
  22. Anche io ho sempre mischiato il costume e quest'anno ineffetti ero in buona compagnia!!! per il resto io ero al sud piu' sud italia che si puo' ...e potrei aver scritto piu o meno le stesse cose...

    RispondiElimina
  23. A proposito di velinaggio, quest'anno io avrò visto giusto un paio di costumi a forma di costume anche sul lato b.
    Mi sembra che il costumino tendente al perizoma abbia davvero spopolato...tra le figlie e soprattutto tra le mamme...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io con il fisico ancora post gravidanza son rimasta in pantaloncini, il prox anno mi rifaccio!!! ;-))))

      Elimina
    2. Io,con mia figlia al seguito, francamente se pure fossi una statua, non indosserei mai un quasi tanga per andare a fare la baby dance.
      Ho visto padri appassionatissimi alla baby dance e soprattutto ai costumi di alcune mamme...:)

      Elimina
  24. Il ballo delle veline mi ha messo un brivido lungo la schiena...che sarà? :D
    Non saprei dire se sia peggio, ma a me è capitato di dover vedere una nonna con un look da passeggiatrice, fare le foto alle nipoti di appena 10 anni, esortandole ad assumere pose "da veline".
    Quando poi si è rivolta me, dicendo orgogliosa: "Il mondo è cambiato..." Ho solo risposto acida: "Speriamo che da grandi vadano a studiare".
    ORRORE!!!

    RispondiElimina
  25. Abbatti pure anche me se dovessi mai fare un ballo delle veline davanti ai miei figli. Per due motivi validissimi: avrei sprecato ore intere di vita per impararlo, starei usando preziosi minuti di vita per umiliarmi.
    Detto questo, aspetto news sulle tendenze estive la prossima estate, che questa l'ho passata vestita da balena. :-)
    Ah, condivido il pensiero sul l'hotel, io sarei scappata!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.