Passa ai contenuti principali

HENABLE ME...L'EPILOGO


Ferdinando Acerbi è un campione olimpico d'equitazione, è il fondatore di H-Enable, è l'ideatore della App Henable ZTL, è il pilota di Kit nel Henable Tour Road ed è simpaticissimo.
Seduti a un tavolino di un bar del centro, di fronte a un fresco ristoro, in una giornata decisamente troppo calda, ha risposto a una raffica di domande: le mie!

Non un'intervista, perché non è il mio campo e non ne sono capace, non una chiacchierata, che forse era quel che si aspettava, ma un interrogatorio vero e proprio, che quello si che mi viene bene!. Di quelli che ti mettono spalle al muro ed hanno rare vie di fuga. Con il senno di poi, il dubbio di aver esagerato mi è venuto ma “purtroppo” quando sono a mio agio, tendo ad essere molto logorroica!
Comunque in quell'ora abbondante ho stabilito diverse cose e messo molti punti.
Primo tra tutti che l'idea è geniale ma che nessuno, prima di lui, ci aveva pensato. Quello che sta promuovendo in giro per l'Italia, a bordo di un'auto elettrica che lo costringe a soste per la ricarica ogni 150 km.,è un'applicazione che permette di comunicare in tempo reale,e direttamente dal telefonino, l'accesso alle zone ZTL.
"Nulla di nuovo rispetto a ciò che veniva fatto per mail"  ma innovativo nei modi e per i tempi.
Semplificare la burocrazia è un bene per l'utente e per l'amministrazione comunale stessa e c'è la volontà di far passare il messaggio che un App non debba necessariamente avere uno scopo ludico.
"L'input delle idee deve partire da chi certe problematiche le vive e sa quali soluzioni possano essergli utili, ma ciò non vuol dire che queste poi, una volta sviluppate, non si possano estendere a tutti".
In realtà questa è la vera "partita" ed in cantiere c'è già un’altra idea.
"Perché affrontare il tour con un'auto elettrica?"
"Perché è una doppia sfida. L'auto elettrica ha accesso ai centri storici a prescindere, abbinarla alla App è doppiamente validante."
Un po' scomodo per la verità perché Ferdinando, accompagnato da Valeria, ha rifiutato l'aiuto di un' auto di supporto che lo seguisse e si è minuto di sorrisi e coraggio, per contare sull'ospitalità non sempre scontata, di chi ha incrociato per strada, ma che l'ha portato a conoscere angoli d'Italia un po' sperduti e panorami da incorniciare.
"Sai noi facciamo la strada più breve perché m'interessa risparmiare km per l'autonomia della macchina" ...già l'autonomia...questa notte la corrente del garage del l'hotel che li ospitava è saltata e così Kit è rimasta a secco. Un ragazzo dai lunghi capelli biondi, ha sistemato un esteso cavo elettrico tra i tavoli del suo bar, kit si è avvicinata ed ha iniziato a "succhiare".Ci vogliono circa 12 ore per rimetterla in carreggiata ma solo 70 centesimi di spesa per farlo, ci vuole che questa giornata calda passi, per ripartire verso la prossima meta ma soprattutto ci vuole, per aspettare e non abbattersi, quel sano entusiasmo che solo chi crede in quello che fa, possiede, e questo è tra tutti, il punto più importante.
Chi conosce Mamma Piky sa che è figli munita, e che anche se leggendo queste righe non vi era così sembrato, i suoi spostamenti sono dettati sempre da averli tutti al seguito: Cestino vuole salire sulla auto verde e Cicina ha deciso che è giunta anche per lei l'ora di ricaricare e che di sicuro non aspetterà 12 ore per farlo, quindi, giusto il tempo di una foto simbolo e "Buon viaggio ragazzi, torno a percorrere la mia di strada...che vi assicuro essere anche questa molto avventurosa!!!"

Commenti

  1. solo un commento...
    ma che bella che sei!!!
    darling

    RispondiElimina
  2. Bella tu e bellissima questa iniziativa!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea e' veramente innovativa e per tante app giocattolo, questa e' veramente utile.

      Elimina
  3. Che bella iniziativa, dovrebbero dargli più risalto sui giornali o nei tg...io non ne ho avuto notizia se non leggendoti.
    Che bella che sei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero. Il tour e' iniziato il 15 da Milano e si è diretto verso sud percorrendo la parte Tirrenica per poi risalire verso quella Adriatica. In alcune tappe e' stato possibile smuovere i media, incontrando le autorità pubbliche, che tutte molto entusiaste, hanno appoggiato l'iniziativa. Altre tappe, come quella di Perugia, erano tappe di trasferimento dove però e' stato possibile fare stimolanti ed utili incontri. HEnable e' una sorta di raccoglitore di idee ed il contatto ed il confronto sono fondamentali per il suo sviluppo. :-)))

      Elimina
  4. Ma che belleeeee! Siete fantastiche;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea era di affiancare all'auto che si ricarica anche una bimba che lo fa attaccata alla sua mamma!!!

      Elimina
  5. bellissima foto e l'idea del paragone...
    quanto alle auto elettriche..ricaricare costa 70 centesimi ma quanto costa e inquina produrre energia elettrica?? L'Italia non ha il nucleare ma lo compra dai vicini...
    e poi ci sono gli interessi dei petrolieri, ovvio.
    Non ho capito bene l'idea dell'App, ma sobno molto indietro su queste cose..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è vero, a fronte di zero emissioni nell'utilizzo di sicuro c'è un impatto ambientale relativo alla produzione di enegia. La sfida sarebbe permettere di ricaricare tramite fonti di energia rinnovabili.
      L'App permette alle persone diversamente abili di accedere ai centri storici (ZTL) semplicemente comunicandolo in tempo reale all'amministrazione comunale. Devo venire il centro? Prendo il telefonino, apro l'app, cerco il comune che mi interessa ed invio la richiesta.

      Elimina
  6. Ciao bella topolona :)

    Bellissima iniziativa... non ne sapevo nulla... ho letto anche dell'App e delle sue potenzialità per i disabili... veramente bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si una applicazione che potrà agevolare molto gli spostamenti quotidiani e non, soprattutto accorciando la complicata burocrazia!

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.