Passa ai contenuti principali

E...


Sulla strada del ritorno la radio sta trasmettendo una delle mie canzoni preferite ed io, che adoro cantare in auto, non perdo occasione.
Ho incontrato un ingorgo e di sicuro, chi mi ha affiancato, si sarà chiesto cosa mai avrò avuto da farfugliare con quel sorriso ebete che si specchiava nel retrovisore.
In realtà cantavo, sorridevo e controllavo Cestino, che ostaggio della sua euforia, mi diceva "Mamma che giornata bellissima!", consapevole che oramai, quella canzone, ne sarebbe stata la colonna sonora. Ogni volta che la riascolterò, mi ricorderò di oggi, della sua frase e di questo ingorgo e, ogni volta, la canterò sorridendo.
Qualche ora prima percorrevo la stessa strada in senso opposto, Cestino e Cicina dormivano, le previsioni meteo annunciavano pioggia e il cielo sembrava dargli ragione.


All'arrivo al parcheggio si era alzato pure il vento, tanto per insinuare il dubbio, che forse non l'avremmo scampata, ma giusto il tempo di scendere, far squillare il telefono e da dietro una siepe spunta LEI  e dall'altro lato della strada LEI .
Ma la notte no e Ma che hai messo nel caffé, i loro salotti dove oramai sono di casa e con loro, due zazzere bionde su occhi strafurbi, che visto i nomi dei blog, un tempo di sicuro hanno amato vivere di notte!
Sedute a un piccolo tavolo di gelateria, raccontiamo di noi, di loro e di quello che ci passa per la testa. Virtualmente ci conosciamo da tanto, e alla fine mi accorgo che mancava solo il viso a fare da cornice.
Io, timida senza rimedio, sono molto rilassata e non vivo la sensazione di chi si è appena conosciuto ma quella di chi, semplicemente, si è incontrato.
Il parco antistante alla gelateria è bellissimo.
 "E' il Parco cittadino" ci dice Lucia ma la sua posizione, i pini, e le mura che lo circondano, lo fanno assomigliare ai giardini di un’antica villa e sebbene in prossimità della strada, del rumore del traffico non c'è traccia.  Giostre, trenini, scivoli &c., tanto spazio per correre senza pericoli e la capacità, loro e nostra, di essere amici senza dirsi nulla. Il tempo trascorso così, passa più veloce e dopo una foto di gruppo, gentilmente offerta dal marito di Lucia, il pomeriggio diventa sera e ognuna di noi ha qualcosa cui tornare.
Io ho un Principe che mi aspetta e quattro anni di matrimonio da festeggiare, quindi un abbraccio e una certezza: ci rivedremo presto.

La superstrada a quest'ora è lenta ed io di sicuro sono in ritardo per la cena ma oggi è il 18 Luglio e, in questo giorno dell'anno, a me succedono sempre cose speciali.
Oggi ho conosciuto la grinta e l'energia di ma la notte no, la forza e la dolcezza di ma che hai messo nel caffè, Cestino ha due nuovi amici, una bellissima giornata da ricordare ed io una canzone da cantare... a proposito, anche se è completamente fuori tema, è questa.


Commenti

  1. ma che bello!anna

    RispondiElimina
  2. quanto avrei voluto sedermi a quel tavolo di quel parco con voi.
    non conosco Francesca ma vado subito a suonarle così rimedio.
    Ce la farò dolce Piky, ce la farò a venire da voi e sentire le vostre voci, guardare i vostri occhi.
    e questa canzone è semplicemente splendida
    che bello (per voi)!!!!!
    un bacione enorme enorme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non abitiamo troppo distante da non poterlo fare!!!

      Elimina
  3. Anche per noi è stato un pomeriggio meraviglioso. La cosa più bella è stato vedere come i nostri ometti hanno subito legato... come se anche loro si fossero conosciuti da tempo!

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. E' stato sorprendente scoprire che e' come se le conoscessi da tempo...ed in effetti e' così!!!

      Elimina
  5. wow, avrei voluto essere lì con voi, a far diventare reali questi rapporti virtuali, che già danno tanto così!

    RispondiElimina
  6. Che invidia, anch'io fremo dalla voglia di conoscere dal vivo qualche 'vecchia' amica blogger... chissà che effetto fa vedersi per la prima volta dopo tante parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche immagine dai blog trapela sempre però avere dei visi e delle voci e' molto piacevole!!!

      Elimina
  7. accidenti mancavo io...che invidia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei conoscere tutte voi...anzi no, vi conosco già, vorrei incontrarvi!!!

      Elimina
  8. Ci sono proprio giornate speciali, che ricaricano le energie! Belle queste amicizie che non restano solo virtuali e ... buon anniversario (in ritardo)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giornate dove tutto quadra alla perfezione e che lasciano dentro una bella sensazione per molto tempo.

      Elimina
  9. Spero solo che la prossima volta posso esserci anche io. Baciiiii
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà c'eri anche se non fisicamente!!! La prox volta si viene da te!!!

      Elimina
  10. Anche a te è successo!! Infatti è un'esperienza meravigliosa. Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto il tuo post, anche l'anno scorso se non sbaglio eri qui. Giusto?!?! Se capìti dalle mie parti non ti dimenticare di venirmi a trovare eh?!?!?

      Elimina
  11. Anche io amo cantare in macchina, i miei figli sono più grandi, il piccino farà 9 anni tra poco e la grande farà 14 anni anche lei fra pochi giorni. In genere adoro la musica rock ma mi piacciono anche canzoni italiane, a volte facciamo dei coretti!!! Anche io faccio parte di una "famiglia virtuale", un gruppo di amici sparsi per l'intero stivale, e amiamo tantissimo ritrovarci, proprio domani incontrerò una "sorella virtuale" qui a Firenze, lei vive vicino Parigi. Sarà sicuramente emozionante vedersi, come diciamo noi, in "ciccia e pelo". Grazie per il commento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cantare in auto mi da carica, poi chi mi vede non lo so che pensa ma va beh ...;-))))

      Elimina
  12. Bellissimo incontro di certo!!! Immagino la sensazione piacevolissima di conoscersi già pur non essendosi mai viste prima :-)
    E che bella la canzone, poi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una canzone lenta sulla via del ritorno al tramonto, bellissimo!!!

      Elimina
  13. che bello,
    mi hai lasciata col sorriso :D

    RispondiElimina
  14. Ma che bello!! deve essere stata proprio una bella giornata. avevo visto una foto su Instagram di Francesca che si era incontrata con qualche amica blogger, c'era la foto del bimbo di Fra e o il tuo o quello Lucia quindi...

    RispondiElimina
  15. ho conosciuto solo una blogger di quelle che seguivo ed altre è come se le conoscessi di persona ma mi sono ripromessa di incontrarlo presto.... ad ogni modo è sempre emozionante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si emozionante, mentre stavo per arrivare era proprio così che mi sentivo...emozionata!!

      Elimina
  16. che bella giornata! e cmq è bellissimo come le canzoni poi ti facciano riprovare emozioni lontane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi capita spesso di associare una canzone ad un momento ed ogni volta che l'ascolto me lo ricorda.

      Elimina
  17. Che bellezza, donne! Trovarsi fisicamente, al di là dei blog, è proprio una bella storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche una risposta a chi ritiene che dietro questo mondo ci siano un sacco di "bufale", io qui non mi nascondo, magari mi capita nella vita reale a volte ma qui c'è solo Piky

      Elimina
  18. Dai!!! Che bello! Sono ragazze che porto nel cuore quelle e te anche! Siete meravigliose tutte e tre e sono felice per voi.....Chissà forse un giorno potrei esserci anche io :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto e' possibile, le distanze non sono mai così abissali se il cuore e' vicino. Bellissima Antonella!!!

      Elimina
  19. Cara mamma picky, ti leggo solo ora...grazie a voi per il bel pomeriggio! anche Michele era felicissimo al rientro per i nuovi amici e il nuovo parco scoperto;-)) e vogliamo parlare della bellezza dell'ultima arrivata a casa piky?? sei forte amica!!! ora mi manca solo il mitico principe azzurro!!! a presto tua Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeee!!! Voi siete proprio quello che pensavo e l'unico rammarico e' che il tempo scorre sempre troppo veloce!!!!

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.