Passa ai contenuti principali

NOI...ORGANIZZATORI D'EVENTI !!!!

Il 12 giugno Cestino ha compiuto tre anni e domenica scorsa abbiamo festeggiato il suo compleanno.
Un evento "epocale" per la fatica, per il caldo e per il delirio che ne è derivato.
Lasciando stare l'organizzazione, il menù e l'allestimento, dove credo di non aver nulla da insegnare e suggerire, tanto sono caotica e mal programmata in casi come questi, mi soffermo a riflettere sul risultato ottenuto e a osservare da fuori la fauna presente, degno decoro della festa, me compresa. In realtà gli inviti erano piuttosto risicati, neanche una trentina in tutto, ma nonni, zii con prole al seguito e qualche amico, sono stati sufficienti per vincere la battaglia del "casino", con la festa del paese e pure con diversi punti di scarto. Ventidue adulti che volevano fare i bambini, otto bambini che volevano fare gli adulti e, nel mezzo, il caos. Il pratino davanti casa, allestito a festa, è stato palcoscenico e ring allo stesso modo e tutti hanno contributo a promuovere un degno spettacolo!
Partiamo da lui, l'attore protagonista, Cestino, il festeggiato, caricato a mille da ormai una settimana e in attesa della Torta Savana, dove, però ha voluto a tutti i costi posizionare un pinguino! Non credo abbia vissuto tutto consapevolmente o per lo meno non l'ho vissuto io così, l'ho a mala pena incrociato ma visto lo stesso correre, saltare, cantare, cadere e urlare per ben quattro ore. Ha pianto, riso, gridato, litigato, niente mangiare, niente bere e nessuna "delle buone maniere" insegnategli in questi tre anni, segno inequivocabile di quanto l'educazione di un genitore va a farsi friggere, quando l'ambiente circostante lo consente e soprattutto di quanto sia facile, anche a tre anni (figuriamoci a diciotto), sfuggire al controllo di mamma e papà.
Degni attori spalla, i suoi cugini, Nipote n.2 e Nipote n. 3 travestiti da Rocky e Apollo intenti a contendersi una mazza da golf (giocattolo eh?!).
O LA MAZZA O LA VITA, questo il loro motto.
Nipote n. 3 che la difende a suon di ganci e Nipote n.2 che deve ave pensato "a mali estremi estremi rimedi" ed è partito con un dritto nell'occhio destro.
E' finita con una mazza sequestrata e due feriti in punizione!
Bellissimi i due schieramenti familiari di Mamma Piky e del Principe,che si conoscono, si piacciono, si compensano e rispettano ma cascasse il mondo, non si mischiano.
Tavoli opposti, com’è opposta la filosofia di vita, "avviciniamoci ma non troppo per non influenzarci a vicenda", cosa che, tra l'altro, farebbe di entrambi il nucleo familiare perfetto.
Lei, l'ultima arrivata, che per tutta la serata è passata di braccia in braccia e, con uno sguardo di sfida, ti dice "Quando loro se ne vanno, sognati che io ritorno in carrozzina".
E poi loro gli amici con prole al seguito, chi sul passeggino, chi nella pancia e chi nella mente, tutti seduti intorno al tavolo a raccontare dei vecchi tempi e a ridere delle ca@@ate fatte con la convinzione che i nostri figli di sicuro non le ripeteranno.
"Il mio in discoteca non ci andrà!"… "La mia la minigonna se la scorda!" …  "Il marito lo scelgo io" e "Se vedo tatuaggi e piercing faccio una strage!".
D’altronde si sa, per chi aprendo il frigorifero ormai trova solo Yomo e Santal, un bicchiere di troppo può far credere ai miracoli.
In tutto questo io ed il Principe sembravamo due sposi al rinfresco del loro  matrimonio, vestiti di tutto punto, eleganti ma sportivi, abbiamo accolto gli ospiti, dispensato baci, ringraziato per i regali con tanti "ma non dovevate!", girato per i tavoli e conversato con tutti...ma a pensarci meglio siamo andati oltre ed abbiamo anche cucinato, allestito, apparecchiato, farcito e servito e poi, ri-salutato, ri-baciato e ri-ringraziato, ed infine, ovviamente, sparecchiato, pulito, lavato e riordinato e solo dopo...molto dopo...troppo dopo, dormito e riposato.
Forse non proprio sposi, forse più camerieri o, peggio ancora tutto fare, in realtà siamo genitori ma è il termine "organizzatori d'eventi" quello che più mi piace!

I fatti narrati in questo post sono drammaticamente veri e le persone citate, realmente esistenti. Se qualcuno si fosse riconosciuto in una o più descrizioni e si fosse offeso, è pregato di perdonarmi, la mancanza di sonno mi rende sempre un cicinino sadica!

Commenti

  1. auguri per celestino e di veloce ripresa da quella giornata! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci riprenderemo per il prossimo evento!!! Non prima dell'anno!!!

      Elimina
  2. Insomma una festa di ordinaria follia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro la nostra di follia!!!
      Come vanno le vacanze?

      Elimina
  3. sei mitica!!! Tanti auguri all'ometto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto quello che hai organizzato tu per i quattro anni....tu si che sei mitica!!!

      Elimina
  4. Innanzitutto...AUGURONI a Cestino!!! E complimenti a te e al Pirncipe per essere stati bravi organizzatori :-)

    Ciò che racconti è ciò che capita mi sa un pò a tutte le feste simili....sarà davvero un bicchiere di troppo o i tanti bambini urlanti e scatenati...chi lo sa!!! ;-)

    Un bacione!

    PS: cara, c'è una novità "libresca" da me...spero verrai a dare una sbirciatina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un mix di cose esplosivo per una festa!!!
      Vengo a vedere la novità che dal nome, so già che mi piacerà molto!!!!

      Elimina
  5. Ma tanti auguri a Cestino! E voi bravissimi, con trenta persone in casa io avrei dato di matto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non proprio in casa....li ho posizionati nel giardino e hanno "razzolato' li!!!

      Elimina
  6. Bellissimo questo racconto, mi sembrava quasi di essere lì!
    Auguroni al piccolo uomo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che anche tu sia un'organizzatrice di eventi tipo questo!!! ;-)))

      Elimina
  7. Risposte
    1. Si c'era da stare allegri, e comunque e' stata sul serio una bella serata!!!

      Elimina
  8. Se non sono devastanti che compleanni sono ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho l'impressione che sarà il primo di una lunga serie, sempre più devastante!!!!

      Elimina
  9. Auguri al tuo cucciolo e a te naturalmente...!
    e un bacione a te!

    RispondiElimina
  10. 30 persone li chiami "inviti risicati"!?!?!

    Spero fosse ironico, io non sarei sopravvissuta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che sento sempre di compleanni con un numero di invitati pari ad un matrimonio, che 30 mi sembravano pochi. Comunque eravamo solo i parenti ed amici strettissimi, ma tra figli & C. si fa presto ad aumentare di numero!!!

      Elimina
  11. Ahahahahah!!!! Te l'avevo detto che ci sarebbe voluto un gran coraggio!!!
    Comunque bravi...siete sopravvissuti alla grande e... tranquilli, se ne riparla fra un anno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi imparare da te, che avresti da insegnarmi pure tanto su allestimento e menù!!!

      Elimina
  12. Auguri cestinoooooooooooo Sai vi immagino a scherzare e a ridere complici al banchetto della festa, coln il cuore pieno di gioia per avere concesso questa meravigliosa festa al principino :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui è stato veramente felice e per la prima volta, in tre anni, l'ho sentito dire "mamma mettimi a letto che ho tanto sonno!" :-))))

      Elimina
  13. Mi hai fatto troppo ridere;) detto questo...auguri a Cestino e...chissà che bella festa e' stata!!:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato bello, al di la della fatica e vederlo così felice, anche quella e' superata!!!

      Elimina
  14. Voi vi sarete stancati ma da come l'hai raccontata mi sembra sia stata una festa divertente, almeno x gli invitati!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertente anche per noi, anche se, per star dietro a tutto, non riesci mai a goderti fino in fondo il relax!!

      Elimina
  15. Questa escena delle famiglie schierate come eserciti enemici mi risulta famigliare
    ^_^ Malgrado tutto è bello poter organizzare eventi del genere ogni tanto. Riposati! Un bacione, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro in realtà si piacciono ma interagiscono poco!!!

      Elimina
  16. Ah, ah...sarà stata una bellissima festa. Auguri a cucciolo!
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Raffaella!!!!

      P.S. Metti il link della trasmissione mi raccomandò!!!!

      Elimina
  17. Che bella festa che avete organizzato tu ed il Principe, complimenti! E poi, in questo periodo, la festa fuori in giardino è sempre la più apprezzata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il caldo che c'era avrebbe reso impossibile stare in casa e poi, diciamocelo, il panorama e' tutta un'altra cosa!!!

      Elimina
  18. :-)
    secondo me dovete "procurarvi" un caro parente o amico che si occupa di cucina, così almeno un pezzo è fatto...questo per il primo compleanno della pupa!Giuro che è di grande aiuto! :-)
    poi per il resto...io vi immaginavo durante la tua descrizione sorridenti nel caos, quasi due figure a rallentatore nella frenesia della festa. Auguri ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la cucina e' stato fondamentale l'aiuto dell'Ipernonna ma tutto da sola non poteva fare!!! ... io ancora oggi sono rallentata!!:-)))

      Elimina
  19. tantissimi auguri a Cestino!!! organizzare queste feste è veramente impegnativo,bravi! ps. in tantissime famiglie i parenti Non si mischiano....forse è meglio cosí

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse e' meglio cosi eppure un tavolone unico per tutti, prima o poi lo faccio!!

      Elimina
  20. Che bella qs prospettiva di racconto! Bravissima....w le lotte tra cugini , in qs periodo ne sto vivendo tante...
    brava mamma piky e principe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando saranno grandi si ameranno alla follia ma per ora se le danno di santa ragione!!!

      Elimina
  21. Meravigliosa panoramica di una festa di compleanno e mille auguri a Cestino che ha una mamma davvero strepitosa!
    Baci!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.