Passa ai contenuti principali

E COSI' FACCIO UN SALTO



Le persone sono sempre in grado di stupirci, a volte in meglio e, sempre più spesso, in peggio. Quando per l'appunto pensi che più in basso di così non si può, lei/lui/loro ti dimostrano il contrario e con tanta facilità da farti sentire una perfetta idiota, una di quelle che nonostante il vicino giro di boa, della vita non ha capito poi molto e della gente ancor meno.
I rapporti non credo possano prescindere dal fattore rispetto e, al di la dei fatti, è il valore delle persone che rimane o, per lo meno, dovrebbe.
A volte, spesso, quasi sempre, questo principio funziona a senso unico ed io che sono abituata a dare, dare, dare, mi ritrovo a prendere, prendere, prendere... cosa è meglio non dirlo, perché il blog è per tutti.
Una volta chi mi conosceva mi prendeva per quella antipatica, quella da cui era meglio stare alla larga, che di sicuro non è paziente e per questo morde senza motivo. Oggi invece, complice il cambio di vita, di status ed a volte anche d'aspetto, passo per quella che se schiaffeggiata porgerà l'altra guancia e che di sicuro non creerà problemi. Strizzala a mo' di Mocio e vedrai che rendimento!

Per lungo tempo, troppo tempo, la complice di ciò sono stata io. Ho subito il fascino di scelte comode e rassicuranti, lasciando fare agli eventi e subendoli. Una sorta di coperta calda con cui proteggersi da ciò che non ci piace e che, anche se fosse, costa fatica. Ma i tempi erano maturi e, come mi ha detto un giorno il Principe: la pentola che sta troppo tempo sul fuoco, dove la tocchi scotta.
 
Era necessario fare un salto e l'ho fatto.
 
Un grosso respiro, una bella rincorsa ed un balzo, lungo e pieno di aspettative che spero mi porteranno lontano o comunque in un posto diverso. Ho lasciato il certo per l'incerto, e forse ancor di più, a prescindere dal significato che queste parole possano assumere in un periodo di crisi come questo. Ho dato valore ad una speranza ed ho chiamato i fatti con il loro nome.
 
Riparto alla soglia dei quaranta e a un mese poco più dal parto, quando qualsiasi ginecologo ti dice che è ora di andare in maternità e quando sarebbe meglio preparare la valigia per l'Ospedale, invece che abbozzare progetti, perché non è vero che una donna incinta non è affidabile, che l'unica cosa che vuole è nascondersi dietro la pancia per non fare niente e che ti tirerà un bidone nel momento meno opportuno.
 
Una quasi mamma, sa quanto sia importante il futuro, non per se stessa, ma per chi ha deciso di mettere al mondo, sa ancor più che non è questo il momento per adagiarsi, che tanto ci penseranno gli altri e che ora mi godo un meritato "riposo".
 
Ho dato il futuro una volta, lo sto per fare di nuovo ed a questo io tengo e per questo io riparto.

Commenti

  1. Mica ho capito... hai mollato il lavoro?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ne ho mollato una parte ma ho in cantiere altri progetti che anche se incerti spero prendano presto una forma più concreta.

      Elimina
  2. Hai fatto un salto verso dove? io non ho capito...uffa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho saltato verso l'ignoto....detta così fa paura ma in realtà e' solo un cambiamento lavorativo che attendeva da tempo, di essere messo in atto. Forse il periodo non è dei più consigliati ma l'ho fatto quando me la sono sentita. Incoscienza?

      Elimina
  3. E allora, come si diceva negli scout, buona strada cara. Di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...gli scout sono saggi!!!

      Elimina
    2. Sottoscrivo in pieno! Buona strada, sicuramente il periodo non è dei migliori ma proprio per questo bisogna avere 1 po' di coraggio in più e cambiare pagina!

      Elimina
    3. La maternità questo coraggio te lo fa trovare sempre. Ora speriamo di averci azzeccato!!! :-)))

      Elimina
  4. Hai fatto un salto verso dove? io non ho capito...uffa!

    RispondiElimina
  5. Hai fatto un salto verso dove? io non ho capito...uffa!

    RispondiElimina
  6. Buon viaggio allora e complimenti per il coraggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Istinto di sopravvivenza, incoscienza e si...forse un po' di coraggio!!!

      Elimina
  7. grande! ti ammiro! un pò mi manca quel coraggio, ma sono d'accordo con te, va fatto! in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo sistema molte cose e se lo lasciamo fare, a volte lavora per noi. Scelte impensabili in un dato momento, si rivelano le uniche possibili in un altro ed allora e' li che trovi il coraggio e la forza di mollare e poi ricominciare.

      Elimina
  8. forza Mammapiky, hai lo spirito giusto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero solo che non mi abbandoni...sai il momento e' delicato, ma di sicuro non mi pentirò!!!

      Elimina
  9. Sei una gran bella persona Mammapiky, è meraviglioso questo viaggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te che grande e bella lo sei sul serio, e' un onore!!!

      Elimina
  10. :-)!!! È un post bellissimo

    RispondiElimina
  11. ma allora qual'è questo grande salto che hai fatto?? sono curiosa!!! complimenti per il coraggio!! e chi ha detto che una incinta non può fare nulla? io mi devo laureare incinta! o almeno arrivarci più vicina di ora... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo sopra, trattasi di un cambiamento lavorativo...non c'era più spazio per situazioni oramai logore ed a me la maternità ha dato sempre una forza in più.

      Elimina
  12. Risposte
    1. Più o meno....quando tutto avrà un contorno più definito, racconterò i dettagli.

      Elimina
  13. Complimenti, mai fermarsi. Siamo noi le autrici del nostro futuro, dobbiamo tenere in mano le redini della nostra vita. In bocca al lupo x tutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene...dobbiamo tenere le redini della nostra vita, lasciarle ad altri, significa perdersi per strada e se pur e' più comodo, di sicuro alla lunga non paga!!!

      Elimina
  14. Risposte
    1. Mi ci grociolo in tutti questi complimenti...danno molto coraggio. :-)))

      Elimina
  15. Quando le occasioni non ci aspettano è meglio non lasciarle fuggire. Hai ancora un mesetto per elaborare il tutto poi vedrai che riuscirai nel tuo progetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra un mesetto i progetti saranno due ed allora si che si inizierà a ballare...ma non importa, ferma a guardar le nuvole non ci so stare...anche se son bellissime!!!

      Elimina
  16. Vuoi dire che hai dato le dimissioni? Ti sei informata con l'inps, vero? i 5 mesi di maternità pagata ti spettano comunque

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del consiglio ma in realtà io non sono una lavoratrice dipendente e il discorso maternità e' un po' più complicato, però e' assicurato lo stesso e quindi male che vado, cado con il paracadute!!!

      Elimina
  17. In bocca al lupo.
    Chissà che il tuo coraggio non mi contagi un po'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un momento giusto per tutti e per tutto...se ne hai bisogno, vedrai arriverà anche per te, e' l'istinto di sopravvivenza che ci fa volare!!!

      Elimina
  18. hehe vedo che son l'unica a non avere capito bene ...ma il senso si ...e ti appoggio ....(anche se dico sempre che se rimanessi incinta un'altra volta me ne starei a casuccia bella ;D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine non è il salto in se che conta, ma il significato che si porta dietro ed ancor di più lo spirito con il quale lo si è fatto.

      Elimina
  19. uuuuhhhh..... curiosa io!!!
    Mamma Leonessa!!!

    RispondiElimina
  20. sei stata forte e coraggiosa a intraprendere una nuova strada, e non (solo) perchè stai per diventare di nuovo mamma...il nuovo spaventa, sempre, conosco persone bloccate senza la "scusa" della famiglia, io invece sono una grande fan del cambiamento, della crescita...brava! e ovviamente in bocca al lupo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio il pensare a me come madre, che mi ha dato il coraggio, la forza e la spinta, per cambiare strada. Nei miei figli ho trovato la mia forza.

      Elimina
  21. Carissima Mamma Piky sono curiosa di sapere le novità lavorative che ti riguarderanno. Quanto vorrei anch'io lavorare in proprio!!! Un grande IN BOCCA AL LUPO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i prox mesi ci sarà ancora un po' di stasi...per il momento ho solo abbandonato una situazione che non tolleravo più...ora devo ricominciare.

      Elimina
  22. Tu sei forte, coraggiosa,hai grinta e dolcezza, sogni e abilita nel realizzarli. Una famiglia bellissima e un angelo che ti ptotegge. Ce la farai.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'Angelo....non sai quanto lo penso!!!!

      Elimina
  23. Ciao, ormai ti seguo da un po' e ti meriti senz'altro il mio premio :-) http://essenzaconfusa.blogspot.it/2013/04/il-primo-premio-per-lessenza-confusa.html

    RispondiElimina
  24. In bocca al lupo e se è questo che ritieni giusto hai fatto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho fatto bene, me lo sento anche se da ora in poi le cose potranno peggiorare e di molto. :-)))

      Elimina
  25. Che bel post, pieno dio speranza e di futuro, doppio!:)
    Buon cammino e in bocca al lupo!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è' esaurita una fase...della quale tra l'altro non vado nemmeno molto fiera, perché di sicuro l'ho gestita male pure io. Dagli errori si impara e spero di non commettere più così!!

      Elimina
  26. Mi sono davvero preoccupata perché no ho capito cosa dicevi nel tuo post. Poi ho visto che non sono stata l'unica e che, addirittura le altre persone sono madrelingue italiane. Uffa, meno male! Comunque spero tutto sia per bene, al meno il tono mi sembra speranzato. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha rileggerlo in effetti non traspare molto...mi sa che la gravidanza mi fa andare in confusione. Sto facendo cambiamenti in campo lavorativo e spero vadano a buon fine. Un abbraccio

      Elimina
  27. Non sò di cosa si tratta, ma dalle tue parole traspare coraggio e intraprendenza. Mi piaci, mi piaci, mi piaci. Un enorme in bocca al lupo mammaPiki.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coraggio ed intraprendenza...quelle che stanno caratterizzando il tuo cammino!!! Anche tu mi piaci!!!

      Elimina
  28. se è quello che senti va bene così, certo, non è il periodo migliore, ma... io ho fatto un intero trasloco alla fine dell'ottavo mese, col solo aiuto di mio marito... in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il trasloco all'ottavo mese non è male come prova di coraggio!!!!

      Elimina
  29. E allora VAI MAMMAPIKY!!
    Buona fortuna per tutto, noi tifiamo per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei vostri sorrisi e' quel che ci vuole!!! Grazie!!!

      Elimina
  30. un grande grandissimo buona fortuna cara!
    sei una grande e ti auguro di essere ripagata... te lo meriti

    RispondiElimina
  31. Sei stata bravissima! La vita è troppo corta e frenetica...ogni tanto bisogna aprirsi all'ignoto. Un in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A vole solo così si scopre qual'è la nostra strada!!

      Elimina
  32. Arrivo in ritardo a dirti IN BOCCA AL LUPO, ma è sempre valido spero :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.