Passa ai contenuti principali

METTI UNA SERA A CENA...

Uscire una sera a cena con Cestino non è cosa da poco, anzi diciamo pure che in alcune occasioni, è una vera e propria dichiarazione di guerra, è scendere in campo, in prima linea e tornare a casa piuttosto malconci, con un conto decisamente troppo salato, uno stomaco decisamente troppo vuoto e le scatole decisamente troppo piene.

Fino a quando non sei mamma, non sai che una pizza al ristorante dietro casa, può essere molto di più di una semplice uscita del fine settimana. E' una prova di forza, un test per la patente internazionale di pazienza e uno dei tanti esami che sarai costretta ad affrontare e che spesso ti vedranno ripetente. Questo è stato ieri sera.
Un'idea buttata là, nel mezzo del pomeriggio, due amici in attesa, che con entusiasmo la raccolgono, e tu che senti ancora di poter avere una specie di vita sociale... sbagliando.
Ovvio che il posto scelto e l'ora, abbiano tenuto conto del fattore Cestino, ovvio che questo non sia bastato a dare garanzie.
Dopo il "week end perfetto", in cui no pianti, no strilli, no capricci, mangio tutto ma proprio tutto e mi addormento pure a un orario decente, l'idillio non poteva continuare e, infatti, alle 20 e 30 di domenica 10 febbraio è finito.
Chiare e inequivocabili avvisaglie si erano palesate già in macchina, il tragitto breve non è mai stato così lungo.

"Mamma voglio la pallina" ,"mamma voglio la macchinina", "papà è caduta la pallina", "papà è caduta la macchinina", "mamma voglio salire davanti" ,"papà voglio scendere, ora, adesso, subito" .

All'arrivo la situazione non è migliorata, sarebbe molto più onesto dire precipitata, ma ho ancora un briciolo di dignità da difendere.
L'unico menù possibile è stato: patatine fritte fritte fritte, pizza smangiucchiata, spezzettata, sbriciolata non mangiata ma lanciata nell'etere e sfoglia imbevuta nella nutella vincitrice del premio "ll nettare degli dei".........,che l’Associazione Nazionale Pediatrica mi perdoni!
A seguire svuotamento del marchingegno infernale dispensatore, per "modiche" cifre, di palline, il cui contenuto, inutile e inconcepibile, è stato del tutto ignorato perché il divertimento non è quello. Cavallino su papà, che 15 kg sulle spalle a fare slalom tra i tavoli, è quel che ci vuole per movimentare una serata tra quarantenni noiosi che guardano Inter/Chievo alla tv, salto sulla panca del vicino per togliergli i coriandoli tra i capelli perché: "Mamma il signore lì c'ha un pelo", l'arredamento di questo locale non mi piace, e quindi tolgo questo quadro e pure questo...e poi tralascio, perché dirle tutte, mi fa inca@@are ancora di più.
Ora la vena comica, che potrebbe avere una serata di questo tipo, in realtà è tragica , eh sì perché di norma, so perfettamente cosa scatena certi istinti e cosa porta a certi comportamenti. C'è sempre un errore di base, che basta individuare ed, eliminandolo, risolvi il problema, ieri sera no. Non c'era niente a far presagire l'apocalisse e solo il metodo duro, quello che tiro fuori nelle occasioni speciali, avrebbe funzionato. Purtroppo io non sono una di quelle mamme che fa tutto con nonchalance e che si mette a strillare in un locale pieno di gente, usando la linea dura che trasforma il riso, in un pianto incontrollabile udibile anche ai poli, non mi sento autorizzata a comportarmi liberamente come nel salotto di casa mia, non so fare una scenata e non so mettere in piazza un episodio, se pur banale, come una punizione. Tutt'al più so ignorare, ma non era la soluzione giusta al caso. Parto dal presupposto che se la mia serata è andata così, non necessariamente debba farlo anche quella degli altri, che due strilla tirate fuori per rimettere al loro posto le cose (e i bambini), non devono diventare argomento di conversazione del tavolo vicino e che sia bene mettere giacca e giacconi, e tornare a casa.
Questo per molti, vuol dire resa, non per me.
In auto il silenzio glaciale, il tragitto del ritorno è ancora più lungo, soprattutto per lui, che ha capito, in assenza di parole, di averla combinata grossa. Butta lì un timido "mamma canta"..."la mamma è arrabbiata e dispiaciuta, perché non ci si comporta così e vorrà dire che la prossima volta non verremo a mangiare la pizza perché non possiamo disturbare tutti con questo macello". Punto, discorso chiuso.
A casa mestamente e in rassegnazione totale si fa mettere il pigiama dal Principe, io, nel frattempo imposto la cena del giorno dopo (eh sì, qui si guarda al futuro), poi, senza suggerimento alcuno, ecco un altro timido "mamma", mi avvicino "cosa c'è?"..."scusa non lo faccio più, la prossima volta mangio tutto e sto seduto"............ecco perché per me non è resa.



Commenti

  1. non ci credere, mentono spudoratamente.
    Purtroppo l'unica occasione sociale possibile è quella in cui ci sia un altro bimbo, altrimenti la noia è insostenibile per loro.
    E' piccolo... Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di serate così ne capitano pochissime, preferiamo una cena in casa con qualche amico, però ogni tanto e' una specie di banco di prova che li abitua a quello che in futuro sarà un piacere....qualche volta, l'esperimento e' pure riuscito....qualche volta.

      Elimina
  2. quando fa casino sapendo di farlo alla fine mi frega spesso (sempre) con lo scusa mezzo smozzicato, la testina inclinata e gli occhi che neanche il gatto di sherk... quanto ti capisco!

    RispondiElimina
  3. Pensa che un giorno lo racconterai a Cestino ridendo...ora di allora quel senso di frustrazione e rabbia ti farà ogni giorno un po' meno compagnia. Non è sempre colpa di noi mamme, anche se gli altri hanno una certa velocità ad imputarcene immediatamente l'onore e l'onere. Hai fatto quello che andava fatto, hai preso, e sei tornata a casa, non ti sei arresa, anzi ti ammiro. Io un'urlatina so che alla fine mi sarebbe anche scappata per sentirmene mortificata subito dopo. Tu sei stata più brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho solo seguito la mia natura, che mi porta spesso a non esternare, non per vergogna ma per rispetto, non dover imporre per forza agli altri, la tua condizione di madre

      Elimina
  4. Ti sembrerò antipatica, ma purtroppo lui ha fatto solo quello che un bambino così piccolo può fare in un posto a lui non congeniale. E' il solito dilemma: rinuncio alla vita sociale per edeguarmi alle sue esigenze o stresso il bambino e ne viene fuori una serata "FATICOSA"? Ognuno ha la sua risposta e non ce n'è una "che funzioni"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti nella maggior parte dei casi di rivela una serata faticosa e per questo le uscite sono limitatissime e tengono sempre conto delle sue esigenze, tipo orario, posto, compagnia e quant'altro. Ieri sera, tutti questi elementi c'erano, ma non ha funzionato lo stesso!! :-(((

      Elimina
  5. Ci sono diversi modi di affrontare le cose e quello che sembra sbagliato, non necessariamente lo è, soprattutto x' i ns figli ci conoscono e l'arma del silenzio a volte è più efficace dell'urlo libero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In genere io non urlo mai, cambio il tono di voce e lo sguardo, questo anche a casa...in genere.....altre volte le mie urla si sentono a km, ed in questi casi faccio mea culpa, perché non ottengo nessun risultato ed in più mi mortifico da sola.

      Elimina
  6. Ehm... ma tu pensi di avere il coraggio di riprovarci a breve?
    no, perchè se è vero che i bimbi sono un po' tutti uguali, mi permetto di consigliarti: NON FIDARTI!!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la curiosità di riprovarci subito e' tanta per vedere se trattasi di promessa da marinaio (come suppongo), però non ne ho la forza, quindi per i prossimi we andrà benissimo una pizza d'asporto!!!

      Elimina
  7. Coraggio cara!!
    Quando succedono queste cose aggrappati il più saldamente possibile a tutte le soddisfazioni e all'amore che ti da.. i bambini sono anche questo, capricci.

    RispondiElimina
  8. Hai raccontato una scena che ho già vissuto, da spettatrice, un sacco di volte. Non è ancora il mio turno perché nana é ancora piccola ma al momento tutte le nostre uscite, pizze, sushi e cene dagli amici si sono trasformate in un "venite da noi perché é più semplice". Non certo semplice dover gestire una cena e una gattonante...ma sempre meglio che vedere gli sguardi d'odio e rimprovero dei tavoli vicini al ristorante :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per noi nella maggior parte dei casi, cena a casa, però stiamo facendo qualche esperimento ed, a parte sporadici successi, i risultati sono questi. Punterò tutto all'estate che, in quanto ad uscite, e' più semplice da gestire.

      Elimina
  9. Ha capito che ha sbagliato. E' vero che forse lo rifarà, ma ha capito che non si è comportato bene. Un primo gradino è fatto...speriamo che la scala non sia troppo ripida. ;)

    P.S. se ti può consolare, noi portiamo raramente fuori a mangiare i nostri figli, non perchè non siano "educati", ma perchè...CI COSTANO TROPPO!!! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che con il crescere dell'età sarà più semplice e di sicuro non è nelle mie intenzioni propinargli banchetti infiniti, però una parte dell'educazione credo stia anche in questo, e così a volte, proviamo.

      Elimina
  10. teneri quando cercano di far la pace...ma prima sono dei veri stronzetti guastafeste pestiferi e insopportabili.
    ma che vogliamo fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente....li perdoniamo, non ci sono alternative!!! :-)))

      Elimina
  11. Sono ancora inesperta per quanto riguarda queste situazioni.
    Però credo che tu abbia trovato un modo efficace per far comprendere a Cestino di aver sbagliato.
    Magari lo rifarà, è vero, ma penso che riuscire a insegnare ad un figlio qualcosa senza urlare, senza scenate, senza perdere la testa sia una grande vittoria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ha capito, si è una vittoria.....SE.......
      avremo una risposta precisa alla prox uscita!!!! Incrociamo le dita!!!

      Elimina
  12. infatti da quando sono mamma preferisco cenare a casa... magari invitrando amici a cena:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo!!!!! Ma un'uscita ogni tanto non ci starebbe poi cosí male....

      Elimina
    2. Una uscita ogni tanto dovrebbe essere un "piacere" anche per loro, ovviamente scegliendo tempi e modi giusti. Noi stiamo attenti al posto, che sia comodo, spazioso, non confusionario, magari anche con qualche intrattenimento., e pure all'orario, uscite brevi e in prima serata. A volte funziona, a volte no.

      Elimina
  13. Anche per me non è resa...che poi alla fine sentirli chiedere scusa pentiti perchè hanno fatto arrabbiare la loro adorata mamma penso sia il simbolo che non sempre serve sbraitare ma alle volte basta spiegare il perchè siamo così arrabbiate con loro...e loro dall'alto dei loro anni così puri e veri lo capiscono! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con mio figlio, se urlo non ottengo niente, lui mi ignora, mentre ascolta e ricorda spiegazioni e raccomandazioni. Mi ha insegnato tanto sull'autocontrollo!!! :-)))

      Elimina
  14. che bello leggere i tuoi post .... la tua non è sicuramente una resa e poi sono certa che questa loro spontanea ed incontenibile vivacità un giorno ci mancherà..... w Cestino ..... buona settimana cara siamo tuoi followers anche noi. A presto

    Lelli Family

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello averti qui, purtroppo non so fare foto belle come le vostre, ma prima o poi, mi attrezzerò anche per questo. Benvenuti!!!! :-)))

      Elimina
  15. Certo che non è stata una resa ma una vittoria, seppur difficile da vedere... per crescere e capire qual'è il comportamento giusto si passa anche per gli errori... Cestino ha sbagliato, probabilmente lo farà ancora, ma l'ha riconoscito e questo è un passo di crescita.
    Un caro abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro è stata una vittoria momentanea perchè sono certa che alla prossima occasione il tutto si potrà anche ripetere, ma insistrò e vediamo chi la vince!! ;-))

      Elimina
  16. Le mie regole x andare a mangiare fuori con pope sono : trovare un ristorante che cucina veloce e nn fa attendere secoli, trovare un ristorante con giochi (ce ne sn molti ormai), nn badare troppo a cosa mangiano pope x quella sera, portare dei giochi da tavolo (carta e pennerelli x es). Fatto così di solito funziona. Cmq se è serata no nn c'è regola che ti salva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ristorante di domenica era tutto questo e credimi tutte le tattiche sono state messe in atto ma non hanno funzionato. Mi sa che non era serata!!!

      Elimina
  17. I bambini sono strani a volte. Anche il mio è buonissimo, e ogni tanto ha quei momenti in cui non lo riconosci. Ieri stavo passando l'aspirapolvere e ogni due minuti mi dovevo farmare perché faceva qualcosa alla sorellina. E dire che quei due si adorano! Sono i momenti in cui non vedo l'ora che sia più grande, perché capisca un po' di più le conseguenze delle sue azioni... (ora non ha ancora due anni e mezzo)

    RispondiElimina
  18. credimi, da una prospettiva esterna ti posso dire che sei stata grandiosa. Crescere i figli non è la cosa più semplice del mondo ma a volte è giusto anche sperimentare per farli crescere. Altrimenti troppo facile perseguire sempre la strada più battuta, ma che loro già conoscono. E piano piano lui si abituerà anche a nuovi.contesti.

    RispondiElimina
  19. io se posso evitare di uscire evito! la piccoletta che ha due anni non sta mai ferma! solo domenica mi è andata bene perchè il padrone del locale dove siamo andati a pranzare era grande e grosso con la barba e girava tra i tavoli.. la piccoletta tentava di scendere dal seggiolone ma le dicevo.. no guarda che il signore non vuole.. e lei intimorita da questa figura è stata buona tutto il tempo! ma per il resto mi viene l'ansia quando Menny mi dice usciamo a pranzo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.