Passa ai contenuti principali

UNA DIETA NON PROGRAMMATA

Immagine dal web
Ieri abbiamo festeggiato il Battesimo di Nipote n° 5 + Compleanno di Nipote n° 2 (tra di loro sorella e fratello), passando una domenica di lavoro straordinario non retribuito.
Eventi di questo tipo, prevedono un rapporto adulto/bambino, per lo meno pari, a 2 su 1, il che equivale al caos totale.
Il panorama che si presentava poteva tranquillamente essere paragonato, al Guernica di Picasso, con i genitori, nella sola e misera veste di accompagnatori della prole scalmanata.
 
La battaglia giornata è iniziata, nel più degno dei modi, quando Nipote n° 2 ha pensato bene di fare un’entrata trionfale, cavalcando in maniera molto profana, la panca della chiesa. Il tempestivo intervento dell’Ipernonna ha posto  fine allo scandaloso scempio e Nipote n° 2, è stato prontamente collocato nel piazzale antistante, dove ha passato la successiva ora e mezzo insieme ai suoi “simili”.Attraverso la scalinata, si sono susseguite, come in una degna sfilata di moda, mamme, papà, nonne e nonni, intenti a darsi il cambio, per la sorveglianza dell’intera truppa e mentre, all’interno, il parroco solennemente proclamava: “Cari Genitori chiedendo il Battesimo per i vostri figli, voi vi impegnate ad educarli…” fuori, i “nostri” figli, a dimostrazione di co tanta educazione andata a buon fine, altrettanto solennemente, simulavano la fine del mondo.
La conclusione della cerimonia ha visto l’inizio del rituale delle foto e, gli abbinamenti più disparati, (tipo l’amica di lui, con l’amante di lei), si sono susseguiti con meticoloso ordine, ai piedi della scalinata, mentre, foglie alzate dal vento e nuvoloni neri, palesavano che la scelta del famoso “sandalo gioiello”, non era propriamente azzeccata. In tutto questo, Cestino ha fatto la sua parte, consumando la suola delle scarpe del Principe e proclamando con decisione, di dover assolutamente guidare la macchinina, parcheggiata sul cortile privato, dell’abitazione adiacente alla chiesa. Vani i tentativi di dissuasione.

La battaglia giornata ha, infine, avuto il suo epilogo, in un grazioso ristorantino locale, incastonato in un piccolo parco, dove molti “punti panoramici”, permettevano con estrema facilità, il lancio della prole nel vuoto…tavolini, panche, tronchi, sassi e quant’altro, fungevano da trampolino per qualsiasi acrobazia, concepibile dalle loro menti.

L’ottima cena a self service, può senza dubbio essere considerata il top della battaglia giornata. Piatti e piatti di ogni ben di dio, collocati a mezzo metro d’altezza, erano un’attrattiva irresistibile, cui nessun cestino ha potuto resistere, e diciamocelo pure, nemmeno nessun adulto. E’ la lotta all’ultimo crostino o alla fetta di formaggio più grande, sono mani che ti si appoggiano sopra e ti scansano per andare a recuperare, due metri più in la, quel pezzetto di torta che tanto fa gola. E’ l’adulto che salta la fila, ed indicandoti con un gesto del capo la peste che tiene per mano, cerca di farti capire che proprio non può aspettare, si scusa ma, per ovvi motivi, non può aspettare.
Ovviamente in una situazione di tale portata, l’atmosfera già calda di suo, causa assenza di circolazione d’aria di qualsiasi natura, si è surriscaldata ulteriormente e l’anarchia sguazzava allegra nel salone giocando a “chiapparella” tra i tavoli, mentre vetrine di bicchieri, cadevano, come eroi di battaglia, sul pavimento scivoloso.

Di ritorno verso casa, dopo otto ore di lavoro straordinario non pagato, con le vesciche ai piedi, i capelli spettinati e un languore nella pancia, ho realizzato di avere tre certezze in più nella vita:
  1.  Le ballerine sono sicuramente una scarpa da rivalutare 
  2.  I soldi per la messa in piega potevano essere risparmiati
  3. Era domenica ed avevo appena iniziato una dieta

Commenti

  1. direi che il bilancio allora è stato perfetto!

    RispondiElimina
  2. queste giornate sono dei veri tour de force...io mi ostino a mettere il tacco (anche perchè altrimenti quando?)per poi imprecare in ogni lingua conosciuta e non dopo qualche ora.la dieta appena cominciata poi...spero tu sarai più brava di me, battaglia a parte!

    francy

    RispondiElimina
  3. Ahahahahha, mi sono immaginata la giornata, avrei voluto esser lì con te.
    Io quando vado alle cerimonie tacco 10 fino alla fine eroicamente, poi nn riesco a raddrizzare nemmeno il piede alla sera, ma le ballerine non le metterò mai. E'una delle poche occasioni in cui metto i tacchi!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Mi si sono rizzati i capelli!!!

    RispondiElimina
  5. all'ultimo battesimo, per evitare problemi, ho infilato in borsa un comodissimo paio di ballerine;-))

    RispondiElimina
  6. ahahah aiuto, tanta solidarietà!! :DD

    RispondiElimina
  7. Proporrei l'abolizione di cerimonie con Cestini al seguito che non abbiano passato l'età scolare. :-))))

    RispondiElimina
  8. Anche io ho iniziato a portarmi dietro un ricambio di scarpe! Ma per fortuna, in quanto a battesimi dovremmo essere a posto per un pezzo ora.
    Nooooo.... non dirmi che hai iniziato la dieta il giorno della festa! si comincia sempre di lunedì, no? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente non era in programma nemmeno per lunedì ma visto che, per correre dietro a Cestino, non si è mangiato niente, tanto vale approfittare!!!

      Elimina
  9. mamma piky il problema è che secondo me i cestini non li puoi legare a vita ed è normale che alla prima occasione in cui hanno un confronto con altri cestini, magari piu agitati di lui, si crei il caos...ma tu sai perfettamente ( dato che lo viviamo praticamente quasi tutti i giovedì dalla loro iper nonna) che loro sono così....anche quando magari nn sei all'interno di una cerimonia!!!!!!!!!!! spero che nonostante sto battesimo che a giudicare da quello che è scritto nn è stato di "tuo gradimento" abbiate mangiato bene e siate stati un pò bene..... ti adoro sister....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sorella permalosaaaaaaa!!!!!! Un po' di umorismo ci vuole nella vita!!!! :-))))))

      Elimina
    2. ...umorismo si!!! abbiamo curato sta cerimonia nei minimi dettagli: chiesina di montagna solo per noi..menù vario e semplice...bomboniere fatte rigorosamente a mano..compleanno di tommy insieme per nn ricreare una nuova occasione di caos!!!! poi è normale che cestini di varie misure e di varie età facciano un pò di "CONFUSIONE".... I LOVE YOU...

      Elimina
    3. Basta mi arrendo...troppe polemiche!!!

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.