Passa ai contenuti principali

VENERDI’ DEL LIBRO: 150 ASSURDE SFUMATURE


Confessiamolo: l’abbiamo letto tutte (o quasi), magari ci scoccia un po’ ad ammetterlo ma la curiosità non ci ha risparmiato e così prima il grigio, poi il nero ed infine il rosso, per un totale di 150 sfumature di Christian e Ana. D’altra parte non c’è di che vergognarsi, è  un fenomeno letterario senza precedenti e presto sarà anche un film, di cui già emerge qualche indiscrezione. Quindi, bando ai sensi di colpa per chi l’ha già letto e per chi sta meditando di farlo ma non sa se….
Dopo un mese  di full immersion tra queste “scandalose” pagine, non è di certo mia intenzione farne una recensione, solo alcune riflessioni che mi sono venute d’amblè mentre, alla luce della abat jour, nel bel mezzo della notte, cercavo di scoprire  cosa sarebbe accaduto al capitolo successivo.
Dunque: è senza dubbio un romanzo e, indipendentemente dal quel che si  sente in giro, è una storia d’amore. Un po’ assurda per la verità. Oserei dire, una favola. Ana è Cenerentola 2012 e Chris il Principe Azzurro (niente a che vedere con il mio, sfumature a parte). 

Ana è una studentessa universitaria che divide la casa, con una multi miliardaria (studentessa anche lei, bellissima, figlia di mamma e papà) a cui paga un affitto irrisorio per una sistemazione cinque stelle o giù di li (mah?). Lavora in una ferramenta ed incontra, per uno scherzo del destino, uno dei più potenti uomini d’ America, un po’ come se la commessa della panetteria,incontrasse Mark Zuckerberg, che compra un filone di pane.  Ovviamente è “amore”  a prima vista (mah?). Ana non mangia praticamente mai, beve the e da quando ha conosciuto Chris, Bollinger, un costosissimo champagne. Salta pranzi, cene ed è sempre su di giri (mah?). Dopo la laurea va ad abitare in un’altra città, guarda caso, la stessa dove abita Chris. (mah?) e trova subito un ottimo posto di lavoro, quello a cui aspirava tra l’altro (mah?). Ana si lega e si scioglie i lunghissimi capelli in continuazione,più e più volte al giorno, ed è sempre in ordine (mah?). Quando il suo capo viene licenziato, dopo appena una settimana da quando è li, le danno il suo posto (ohhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!!)

Chris è ricco sfondato,  proprietario di mezza America, ha case in ogni dove, ha uffici e segretarie bellissime, guardie del corpo e pure qualche componente dell’FBI. Ha un aereo personale, l’elicottero, la barca e non si sa quante auto con autista. Guadagna, per sua ammissione, centomila dollari l’ora, (o non è invenzione mia, l'ho letto in una pagina!),  riesce a rintracciare dove si trova Ana consultando il satellite, ed ha 27 ANNI.
 
Kate è l’amica bellissima di Ana, come regalo di laurea dai suoi genitori ha ricevuto una casa (devo dirglielo a mia madre che mi ha regalato la ventiquattr’ore!!), il suo futuro da giornalista è tutto in discesa e ,mentre Ana sta dietro a Chris, lei, casualmente, si innamora di Elliot, il fratello di Chris, mentre il fratello di Kate, si innamora di Mya, la sorella di Chris ed Elliot. Rimane solo un amico da piazzare, Josè, ma in alternativa, possiamo sempre farlo diventare, in un batter di ciglia, un fotografo ricercatissimo
Chris ha strane amiche, che ogni tanto fanno capolino su qualche capitolo, con tentati suicidi, pistole rubate, ed incursioni notturne nelle case degli altri. Strana gente sul serio.
Nel terzo volume Ana e Chris si sposano, dopo ben tre mesi di conoscenza, la commessa del panettiere sposa Mark Zuckerberg e, badate bene, è lui ad insistere. Da questo punto in poi le sfumature diventano gialle, ma di un giallo sbiadito, perché in fondo il tema centrale del libro non è questo, solo che io non me ne sono accorta!
Con questo post posso partecipare al Venerdì del libro di Home made mamma ?
 




Commenti

  1. so' sincera... a me queste sfumature non convincevano affatto e tutti i mah che hai usato... mi sa che risparmio per l'acquisto di qualcos'altro!
    Ps: si, ci puoi partecipare al venerdi del libro! è libera terra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi il tema del libro dovrebbe essere un altro ma, con tutte queste assurdita', giuro nemmeno lo noti.

      Elimina
  2. Mah anch'io ne ho sentito parlare tantissimo, ma non l'ho ancora comperato...mediterò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giusto compromesso potrebbe consistere nel comprare solo il primo.

      Elimina
  3. Bello anche il tuo blog, i libri citati sono nella mia wish list...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di non averti rovinato la lettura con le mie anticipazioni!!! :-)))))))

      Elimina
  4. ciao mammapiky, eccomi qua a scoprirti!
    anche io ho letto la famigerata trilogia, e pur trovandola ovviamente assurda, mi sono divertita molto, almeno nei primi due...proprio perché era così assurda, o forse perché al di là di tutte le assurdità la storia d'amore era avvincente...il terzo però ha superato il mio limite di sopportazione delle cagate, e così senza rimpianto, ora per avere un pò di pepe nella mia vita non mi resterà che farmi frustare un pò da mio marito :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi quel giornalista che ha commentato cosi': " quello che ogni donna vuole" , secondo me si riferiva alla carta di credito!!!!!!

      Elimina
  5. Nemmeno io l'ho letto e non credo lo farò, oltre al tema, mi pare troppo lunga la storia della trilogia, sono pigra!:-) poi da come lo presenti!ehehe Se passi da me c'è un premio per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo fantasioso per chi, come le mamme, deve stare con i piedi per terra.
      Grazie per il premio!! E' un onore per me!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. ahahah!!! i tuoi mah sono favolosi! ma non hai scritto niente sul loro modo di fare sesso! come mai? io sono arrivata solo a quasi metà del primo libro, quando lei legge il contratto..poi ho smesso di leggerlo:
    - perchè non ero molto curiosa di sapere cosa avrebbero fatto nella stanza delle torture...non mi piacciono quel genere di cose...
    - perchè mio marito era un pò geloso..sostiene che quello è un libro porno e che noi donne ne parliamo troppo e che "metti insieme 2 suore e diventano 2 tegami..." insomma per non sentirlo discorrere su questo libro l'ho restituito e via! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi uomini non si sa mai come prenderli..se non "trasgrediamo", siamo noiose, se "trasgrediamo" sono gelosi....comunque, a parte tutto, secondo me non ti sei persa niente. A me non sono piaciuti, li ho trovati, oltre che assurdi, molto noiosi...il terzo poi non si legge. Per quanto riguarda le scene di sesso, ce ne sono alcune, niente di che, si assomigliano tutte e non sono niente di così scandaloso. Visto che non l'hai finito di leggere, qualche notizia in più: Ana il contratto non lo firmerà mai, la stanza dei giochi è solo una stanza alla fine, dove entrerà un paio di volte non più, e dove non farà niente che non fa già fuori. Con questo non voglio certo sminuire il successo del libro, ma a me non è piaciuto. Credo che regalerò anch'io i libri!!! :-)))

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.